Più Creativo in 7 Step. Scoprili Subito!

A cosa pensi quando senti le parole “creatività” e “pensiero creativo”?

A una qualità misteriosa e rara, che appartiene a persone particolarmente intelligenti come Galileo Galilei, Leonardo da Vinci e Albert Einstein scommetto.

Siamo abituati ad associare la creatività ad una qualità riservata a scienziati o artisti, ma in realtà non è così, gli ultimi studi sono concordi nell’affermare che la creatività non è una misteriosa peculiarità di pochi “eletti”, ma è la capacità di vedere le cose in modo diverso da come siamo abituati e trovare nuove idee e soluzioni.

E’ un’abilità posseduta, in maniera maggiore o minore, da tutti, quindi anche da te!

La definizione più completa del termine creatività ci arriva dal matematico francese Henry Poincaré, che con poche parole è riuscito a dare un senso completo a questa misteriosa e affascinante abilità dell’uomo:

Creatività è unire elementi esistenti con connessioni nuove, che siano utili”. 

Dunque la creatività, non è l’ispirazione che arriva come un fulmine, ma è l’abilità a trovare soluzioni originali e allo stesso tempo funzionali.

E’ qualcosa che si manifesta in coloro che imparano a promuovere e creare le condizioni perché essa prosperi; è un modo rapportarsi alla realtà, di concepire e vivere la vita.

Siamo tutti creativi.

Ogni volta che mettiamo sotto la gamba di un tavolo traballante un pezzo di carta ripiegato, o ogni volta che escogitiamo un nuovo modo per convincere un bambino a mangiare tutta la pappa, facciamo uso del nostro pensiero creativo.

Ogni giorno senza nemmeno che te ne accorgi, anche tu compi una quantità enorme di gesti creativi, a casa, al lavoro, nelle relazioni. Ogni volta che riesci a trovare una soluzione praticabile ad un problema, stai usando la tua creatività.  

Ti se mai trovato di fronte a problemi e situazioni che ti sembrano irrisolvibili?

Quando ogni soluzione che riesci a trovare sembra fallire…che fai? Ti rassegni ?

Per trovare nuove soluzioni devi rileggere la situazione attraverso le lenti del tuo pensiero creativo.

Sviluppare il tuo pensiero creativo può portare benefici immensi alla tua vita:

aumentare la tua flessibilità mentale

– migliorare la tua capacità di generare idee brillanti, creando associazioni originali ma allo stesso tempo funzionali

vedere un’opportunità dove prima vedevi un fallimento

– guardare il mondo da una prospettiva più ampia

– allargare la gamma delle opzioni disponibili

– dar vita a progetti professionali innovativi;

Ora probabilmente ti chiederai “come posso sviluppare il mio pensiero creativo e ottenere tutti questi benefici” ?

Aspetta, ci arriviamo, prima è necessario capire il funzionamento del cervello, il primo responsabile del nostro pensiero creativo, perché sembra infatti che l’atto creativo sia un processo complesso che richiede un’equilibrata interazione delle abilità peculiari di entrambe le parti del cervello.

Si, perché il nostro cervello è diviso in due emisferi uguali e simmetrici: l’emisfero destro e l’emisfero sinistro.

Questi due emisferi hanno un funzionamento che possiamo definire crociato: l’emisfero sinistro controlla e gestisce la parte destra del corpo, mentre quello destro la parte sinistra. Sebbene appaiano molto simili dal punto di vista anatomico, i due emisferi cerebrali svolgono compiti molto differenti :

L’emisfero sinistro  è matematico, tendente all’analisi, razionale, logico, pratico e metodico, ha una memoria a breve termine (ripetitiva), risolve i problemi applicando meccanicamente regole note.

L’emisfero destro è la sede della creatività, delle emozioni, dell’intuito e dell’immaginazione, ha una memoria a lungo termine (associativa) ed è anche la sede dell’inconscio. Opera per sintesi guardando ai problemi nella loro globalità e intuitivamente rileva soluzioni nuove e originali.

Infine i due emisferi sono messi in comunicazione tra loro dal corpo calloso, un grosso fascio di fibre nervose che permette alle informazioni sensoriali di raggiungere entrambi gli emisferi.

L’emisfero destro riveste un ruolo fondamentale nella formazione di idee creative: le sue caratteristiche peculiari ci permettono infatti di “rompere” gli abituali schemi di pensiero ed esplorare territori per noi sconosciuti.

Tuttavia, l’emisfero destro non è l’unico responsabile della risoluzione dei problemi.

Infatti quando la nostra mente si trova di fronte al dover trovare la soluzione ad un problema, per prima cosa segue quei percorsi che già conosce e che già altre volte le hanno permesso di trovare una soluzione.

In un secondo momento, nel caso non abbia trovato una soluzione, il cervello comincia ad “allargare” il campo d’azione creando percorsi cognitivi nuovi.

La cultura occidentale nella quale siamo cresciuti il sistema scolastico diffuso in Occidente prediligono un forte sviluppo delle qualità tipiche dell’emisfero sinistro, mentre le potenzialità proprie dell’emisfero destro vengono molto spesso sottovalutate e inutilizzate.

A scuola ci viene insegnato ad usare la logica e la razionalità e i compiti che vengono richiesti hanno a che fare molto spesso solo con le abilità di ragionamento, dimenticandosi completamente dell’intuizione e dell’immaginazione.

Questo ci porta a pensare in modo ripetitivo, basandoci sulla nostra esperienza e su come abbiamo affrontato problemi simili in passato, e molti di noi non sono capaci di trovare soluzioni che non hanno mai sperimentato.

Se invece osserviamo un bambino che gioca o che impara per la prima volta qualcosa, vediamo che il suo approccio all’esperienza è globale, intuitivo e spontaneo, con una formidabile capacità di improvvisazione.

Purtroppo crescendo, ci viene imposto di utilizzare percorsi di pensiero logico-razionali tanto da disimparare a sfruttare al massimo anche le nostre capacità d’intuizione e immaginazione, il nostro pensiero creativo.

Ma la bella notizia è che possiamo tornare ad allenare il nostro pensiero creativo attraverso le tecniche e le strategie giuste.

Come il marmo e la pietra acquisiscono le forme sinuose che prima erano solo nella mente dello scultore, così anche il nostro pensiero creativo può essere potenziato da noi stessi, migliorando le nostre naturali capacità creative

7 Modi per Sviluppare il Pensiero Creativo

1.Genera il maggior numero di idee possibile

Quando ti trovi di fronte ad un problema di qualsiasi tipo, quando devi trovare idee e soluzioni, prenditi tutto il tempo per pensare a tutte le possibili alternative.

Le idee creative infatti, quelle originali e geniali, sono solo una minima percentuale rispetto al totale delle idee che la tua mente può produrre.

Una caratteristica delle menti creative è infatti la loro elevata produttività.

Se ti vengono in mente 2 o 3 idee, sforzati a pensarne altre, anche stupide e impraticabili, ma pensale.

Gli ingredienti per la creatività dipendono dal numero di idee che sono disponibili per la ricombinazione.

Quindi più sono e meglio è!

2.Rinvia il giudizio durante la fase di generazione delle idee

Quando stai elaborando nuove idee astieniti completamente dal giudicarle, niente riesce a soffocare la creatività quanto la critica e il giudizio.

Tendiamo istintivamente a giudicare ogni cosa, e molto spesso giudichiamo in maniera negativa. In questa fase metti a riposo la tua parte critica e lascia che il creativo che c’è in te possa esprimersi.

Anche l’idea più assurda e bizzarra può essere utile al processo creativo.

3.Annota tutte le idee

Man mano che sforni idee e soluzioni (anche le più strampalate mi raccomando!) annotale nel tuo taccuino.

Questo aumenta la velocità del processo creativo, migliora la concentrazione permette di trovare più facilmente collegamenti fra le diverse alternative.Man mano che sforni idee e soluzioni (anche le più strampalate mi raccomando!) annotale nel tuo taccuino.

4.Usa le mappe mentali

Si tratta di un metodo di rappresentazione delle idee non-lineare e non-consecutivo, come può essere un elenco, bensì radiale.

Questa tecnica è stata sviluppata dallo psicologo inglese Tony Buzan negli anni’60 e si basa sul fatto che il processo naturale con cui la mente umana associa idee e pensieri è, appunto, non-lineare.

Le mappe mentali rappresentano un ottimo strumento che ci aiuta a organizzare le informazioni e trovare soluzioni nuove e creative:

stimolano allo stesso tempo l’emisfero sinistro del cervello, attraverso l’uso di parole e frasi compiute, e l’emisfero destro attraverso simboli, disegni e colori.

Scopri qui l’episodio della Svolta School con Matteo Salvo dedicato proprio alle mappe mentali e a come costruirle!

5.Leggi di tutto e di più

Leggi qualsiasi cosa ti capita sotto mano, anche il modo di applicazione dello shampoo sui capelli!

Cerca di esplorare argomenti che non portano benefici immediati.

La creatività impone una mentalità aperta a 360 gradi, questo significa essere aperti agli stimoli più diversi, soprattutto quelli che non appartengono ai tuoi interessi principali.

Ricordati però di prenderti il tempo per cercare di capirli e ricordarli.

Insomma, sii curioso.

Se hai una quantità limitata di conoscenze, avrai meno risorse cui attingere per formare nuove idee.

Al contrario avendo a tua disposizione molti stimoli diversi, avrai più possibilità che questi si colleghino nella tua mente per produrre, soluzioni sempre nuove e creative.

Inoltre prenderti il tempo di leggere ti darà altri vantaggi fra cui aiutarti a parlare e scrivere correttamente.

6.Medita

Rilassare la mente è fondamentale. Una mente sempre sotto stress non è creativa.

La creatività ha bisogno di avere a disposizione risorse sempre nuove e necessita di tempo per vagare in cerca di quel qualcosa.

Un aspetto peculiare della meditazione è proprio la sincronizzazione dei due emisferi cerebrali, come abbiamo visto l’ingrediente principe del processo creativo.

Scopri qui l’episodio con il maestro Amadio Bianchi, per imparare a meditare in modo semplice, pratico e benefico.

7.Spegni la televisione e accendi la musica

La televisione è un vero e proprio killer della creatività: addormenta le idee, offusca il cervello, parla senza che tu possa intervenire!

La musica invece è da sempre legata alla creatività.

Accendi la musica giusta >> e immergiti nella sua magia, le idee creative non tarderanno ad arrivare!

Buona creatività! : )

P.S. Se vuoi scoprire come la Creatività può aiutarti a prendere decisioni migliori nella vita (sì hai letto bene, prendere decisioni!) scopri l’episodio della Svolta School con la scrittrice Carla Maria Russo.

Clicca qui per guardare il video!

Avatar

Silvia Poggiaspalla

Silvia Poggiaspalla è laureata in lettere e filosofia. Fin da giovanissima la sua grande passione è l’esplorazione dell’animo umano, passione che si traduce in anni di studi e ricerche sullo sviluppo e la crescita personale.

Insegna Yoga, adora l’alimentazione naturale e diffonde stili di vita salutari e consapevoli attraverso il web.

La grande passione per la vita e per il web si concretizza ogni giorno nel suo lavoro di blogger e si sposa perfettamente con la scelta di vivere in un piccolo paese in collina, in prossimità dei boschi, dove coltiva un orto e impara ogni giorno dalla natura, la sua unica vera insegnante.

La cosa che la rende in assoluto più felice?

Conoscere, imparare e condividere con gli altri le sue conoscenze.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato.