Come Calmare l’Ansia…Accettandola

calmare l'ansia

 

Come calmare l’ansia in modo efficace e senza farmaci?

Se anche tu ti poni questa domanda, probabilmente sei già stato colto da attacchi d’ansia improvvisi e ti sei trovato confuso, senza sapere cosa fare.

Magari nei momenti in cui meno te lo aspetti, per esempio al lavoro: di colpo senti i muscoli contrarsi e uno stato d’allerta che non ti sai spiegare, ti agita e ti impedisce di concentrarti su quello che stai facendo.

Oppure al mattino, appena aperti gli occhi, senti l’ansia addosso, come un peso sul torace che ti opprime.

O ancora, mentre sei tranquillo con gli amici, ti senti travolgere da un’inquietudine profonda, che arriva da chissà dove, ti entra nei pensieri, e una tranquilla serata con gli amici diventa quasi una tortura.

Spesso l’ansia si presenta così, senza un motivo scatenante e la sensazione che sta per accadere qualcosa di più grande e di più forte di noi, ci travolge.

Che cosa fai in questi casi?

Come reagisci?

Impaziente di calmare l'ansia? Inizia da questa Masterclass Gratuita

Come Calmare l’Ansia Senza Farmaci

La reazione più naturale è tentare di scacciare in tutti i modi questa emozione spiacevole.

Molti non conoscono altra strategia che cercare di non pensarci e anestetizzare il “dolore” con tutti i mezzi possibili, magari ricorrendo ad un ansiolitico.

Ma i farmaci in realtà, non risolvono il problema, soffocano chimicamente i sintomi fisiologici e ci fanno sentire subito meglio, ma non vanno ad agire sulle vere cause che ci hanno portato all’ansia.

Altre persone, invece negano fortemente questa emozione, si comportano come se non esistesse, la rifiutano.

Ma negare l’ansia non aiuta a depotenziare questa emozione parente stretta della paura, piuttosto l’alimenta.

Siamo abituati a vedere ogni tipo di malessere come qualcosa che bisogna eliminare il prima possibile.

In realtà ansia e paure non sono mostri da combattere, ma sono energie profonde che nascono nell’anima.

Sono veri e propri messaggi che vanno ascoltati e decifrati.

L’unico modo che abbiamo a disposizione per gestire i problemi legati all’ansia ed evitare che questa si rafforzi, è accettare la presenza dell’ansia, ascoltarla, e cercare di decifrare il messaggio che porta con sé.

Infatti l’ansia è un’emozione fondamentale e del tutto spontanea dell’essere umano, e come tutte le emozioni, non ha nulla di negativo.

Anzi, nel suo stato originale ha la funzione positiva di avvertirci in anticipo circa possibili situazioni di pericolo; inoltre l’ansia rappresenta una parte necessaria della risposta allo stress.

Ecco perché, in questo articolo vorrei suggerirti delle tecniche che non sono finalizzate a combattere l’ansia ma piuttosto hanno lo scopo incontrarla, “farsela amica”, ascoltarla, in modo che dispieghi la sua carica trasformativa e vitale per svanire poi spontaneamente.

Immagina l’ansia come una persona non proprio simpatica, che ogni tanto viene a farti visita, non la sopporti, ma ha un messaggio molto importante per te.

Questa persona non parla la tua lingua, è difficile comprendere il messaggio che vuole darti, ma tornerà a farti visita finché non avrai compreso quello che vuole dirti.

Una volta capito il messaggio, non tornerà più a infastidirti, ti lascerà in pace.

Ma come fare a comprendere il messaggio affinché ci lasci in pace?

Ti propongo una strategia in 5 fasi per combattere l’ansia, accettandola e comprendendola.

Tramite questi 5 passi imparerai a:

 

#1. Accetta l’Ansia

Il termine “accettare” significa “dare il consenso e ricevere”.

Quello che devi fare quando l’ansia ti coglie di sorpresa è acconsentire all’ansia di arrivare.

Dalle il benvenuto.

Immagina di essere il padrone di casa che ospita con cura la nuova emozione, la invita a varcare la soglia senza opporre resistenza. Accetta consapevolmente che l’ansia sta arrivando a farti visita.

Accogli le sensazioni che arrivano.

Resistere in tutti i modi all’ansia significa prolungare gli effetti negativi dell’ansia. Invece lasciarla fluire ti aiuterà a liberartene prima e avere la possibilità di osservarla e capire perché si presenta.

#2. Osserva la tua ansia

Quando l’ansia ti assale cerca una posizione comoda e resisti alla tentazione di reagire, e di agitarti.

Osserva l’ansia senza giudicarla, non guardarla come un ospite indesiderato.

Cerca di sentire i punti precisi del corpo dove l’ansia si accumula, nel petto? Nella pancia?

Concentrati a immaginare l’ansia che ti coglie non più come un’accavallarsi incontrollato di paure incontrollabili, ma come un dolore che senti concentrarsi in un preciso punto del corpo.

Concentra tutta la tua attenzione in quel punto e immagina come se da lì nasca una sfera di luce, che piano piano si espande fino ad avvolgerti completamente.

Senti il dolore che si dilata fino a dissolversi, osservalo salire e poi scendere fino a sparire.

Ricorda che tu non sei la tua ansia, è solo un ospite a cui hai dato il permesso di farti visita.

Più ti separi dall’esperienza che stai vivendo, più potrai osservarla attentamente.

Presta attenzione a pensieri, sensazioni, immagini o intuizioni che arrivano mentre l’ansia è lì con te.

Appena l’ansia si placa, scrivi i pensieri che hai avuto e le sensazioni che hai provato.

#3. Agisci insieme all’ansia

Continua a fare quello che stavi facendo prima che l’ansia ti facesse visita, naturalmente rallenta le tue azioni, ma non interromperle.

In questa fase è importante che ti aiuti con il respiro. Quando l’ansia si impossessa di noi il respiro “si accorcia” e involontariamente cominciamo a respirare solo con la parte alta dei polmoni.

Concentrati a fare respiri lenti e profondi, e a spingere il tuo respiro verso il basso attraverso la respirazione diaframmatica.

Controllare il respiro ti sarà di enorme aiuto per riuscire a mantenere il controllo e trattenere l’istinto a fuggire, tipico di un attacco d’ansia.

Fuggire fisicamente dalla situazione in cui ti trovi può abbassare l’ansia ma farà crescere la paura.

#4. Ripeti le fasi

Per combattere l’ansia, continua ad accettarla, ad osservarla, e ad agire insieme a lei finché si abbasserà ad un livello confortevole. Lentamente sentirai l’ansia affievolirsi sempre di più, fino a sparire.

#5. Decifra il messaggio

L’ansia tornerà a farti visita finché non avrai compreso il messaggio profondo che porta con sé.

L’ansia è un campanello d’allarme, vuole darci delle indicazioni, farci ritrovare la strada.

Ma come fare a capire che cosa vuole comunicarci l’ansia?

L’unica strada percorribile è guardare dentro di te.

Spesso l’ansia deriva proprio dall’incapacità di guardarci dentro, e si presenta quando non siamo più in grado di ascoltare la nostra voce interiore e viviamo in balia dei rumori esterni.

Come superarla allora?

La meditazione può esserti di grande aiuto in questo, perché rappresenta il mezzo migliore per tornare ad ascoltare i messaggi della tua anima.

Attraverso la meditazione potrai combattere l’ansia e ritrovare la tua visione quando essa è oscurata dalle tue paure.

Ti permette di ritrovare la consapevolezza e ti fornisce una preziosa bussola che ti aiuta ad orientarti verso cambiamenti di vita più in sintonia con ciò che sei.

Sei abituato a tenere le tue orecchie sempre puntate all’esterno, pronte a percepire cosa gli altri si aspettano da te, la tua anima non accetta questo e l’ansia è un segnale della sua ribellione.

La meditazione ti aiuta a riportare l’ascolto verso l’interno e riuscire ad ascoltare quel messaggio che l’anima vuole comunicarti.

Tornare ad ascoltare la tua voce interiore ti da la possibilità di attingere a nuove forze di cui non  immaginavi neanche lontanamente l’esistenza.

Quello che richiede la meditazione è soltanto un posto tranquillo e un po’ del tuo tempo (anche solo 10 minuti al giorno possono essere di grande aiuto).

Dedica ogni giorno un po’ del tuo tempo solo ad ascoltare la tua voce interiore.

In silenzio, a occhi chiusi, concentra la tua attenzione sul respiro e cerca di eliminare ogni pensiero.

Lentamente, uno stato di benessere ti pervaderà e le risposte non tarderanno ad arrivare.

E tu? Come gestisci un attacco d’ansia?

Hai delle strategie? Condividile con noi lasciando un commento qui sotto!

 

P.S. Sappiamo bene quanto disagio e stress possa causare l’ansia e anche quanto possa essere difficile sedersi ad ascoltare se stessi mentre un vortice di pensieri impazziti sembrano attaccarci senza sosta.

Per questo, abbiamo creato per te una nuovissima masterclass gratuita con Daria SessaLife Breath Coach amatissima dalla tribù Omnama.

Con la semplicità e la chiarezza che da sempre la contraddistinguono, Daria ti mostrerà tecniche e strategie concrete per liberarti dall’ansia e dallo stress che rischiano di sabotare la tua vita.

Ormai lo sai che la nostra passione ad Omnama è individuare le barriere che si mettono fra noi e la nostra crescita personale e poi trovare il modo per abbatterle.

E la nuova Masterclass di Daria, Ritrova l’Equilibrio, non è da meno: iscriviti subito cliccando sul banner qui sotto.

gestire le emozioni

 

Avatar

Silvia Poggiaspalla

Silvia Poggiaspalla è laureata in lettere e filosofia. Fin da giovanissima la sua grande passione è l’esplorazione dell’animo umano, passione che si traduce in anni di studi e ricerche sullo sviluppo e la crescita personale.

Insegna Yoga, adora l’alimentazione naturale e diffonde stili di vita salutari e consapevoli attraverso il web.

La grande passione per la vita e per il web si concretizza ogni giorno nel suo lavoro di blogger e si sposa perfettamente con la scelta di vivere in un piccolo paese in collina, in prossimità dei boschi, dove coltiva un orto e impara ogni giorno dalla natura, la sua unica vera insegnante.

La cosa che la rende in assoluto più felice?

Conoscere, imparare e condividere con gli altri le sue conoscenze.

208 Commenti

  • Avatar Jessica says:

    Ciao mi chiamo Jessica e ho 24 anni.
    Da gennaio ho cominciato a soffrire di attacchi d’ansia e di panico.
    All inizio non sapendo cosa avevo andavo sempre in ospedale,con la paura di avere un attacco di cuore..
    Poi tutte le volte mi hanno detto che era tutto apposto e che soffro di ansia.
    Per un po mi era sparita..E da una settimana che ne sto soffrendo di nuovo tutti i giorni.
    Sto male perché ho sempre la paura che mi venga qualcosa.
    Non sto più vivendo bene e non so che cosa fare.

  • Avatar Luca says:

    Per esperienza personale posso confermare che la respirazione profonda e la meditazione sono ottimi rimedi all’ansia nel momento di picco.
    Tuttavia nei momenti tranquilli è importante capirsi, conoscersi, e conoscere le motivazioni profonde per cui quell’ansia si genera.
    In generale sono situazioni che riteniamo di vitale importanza e su cui riteniamo di non avere il controllo. Entrambi questi aspetti (importanza e controllo) vanno ridimensionati: è davvero importante come penso? è davvero una situazione che non posso controllare? sono davvero io che dovrei controllarla?
    Nella mia esperienza personale questo mi è servito molto

  • Avatar Pamela says:

    Salve sono Pamela ho 32 anni e da 16 anni convivo con una situazione difficile in casa, problemi gravi di dipendenza di un familiare…e questo mi fa vivere perennemente con l’ansia..ogni giorno..e poi ci sono giorni in cui va peggio e giorni in cui va meglio, la vita è così… ma anche se sono esattamente consapevole di cosa mi provoca quest’ansia (cioè le paure che ho per la situazione di mio fratello, vivo ogni giorno non sapendo cosa succederà domani e aspettandomi qualsiasi tragedia possibile), quest’ansia non passa mai…
    Ti prende un forte nodo in gola, non riesco a mangiare, a deglutire, a bere…questo solo nei giorni più difficili…in tutti gli altri si va avanti facendo finta di niente, perché non c’è niente ma proprio niente che io possa fare per aiutare lui e la mia famiglia, mi sento impotente di fronte ad una situazione troppo grande, più grande di tutti noi insieme…
    Ma nonostante questo voglio dirvi che non mi tolgo mai il sorriso, quello mi aiuta a non cadere giù, sorrido sempre e comunque e sembro la persona più felice del mondo, mentre dentro mi sento morire…è massacrante vedere i genitori soffrire e impotenti di fronte ad una cosa più grande di loro, è massacrante vivere ogni giorno con il pensiero di cosa potrà accadere…ma si sorride, SEMPRE E NONOSTANTE TUTTO!
    un saluto a tutti

  • Avatar Vito says:

    Ciao sono un po’ di giorni che sento questa ansia alla stomaco alla fine per paura che avevo qualcosa ma dopo fatto tutti gli esami del caso e anche altri non abbiamo riscontrato nessun problema ma ora mi è rimasta questa paura che ha volte si trasmette in ansia come fare per scacciarla??

    • Ciao Vito,
      La meditazione può essere senza dubbio di aiuto, ma ti consiglio di non sottovalutare i sintomi dei tuoi disturbi e chiedere sempre il parere di uno specialista.

      Non siamo dei medici e non possiamo fornirti la soluzione ai tuoi problemi perché non ne abbiamo le competenze.

  • Avatar angelica says:

    Da Piu di una settimana, ogni mattina prima di andare a scuola ho molta ansia la quale mi porta ad avere un forte mal di stomaco e non riesco a tranquillizzarmi in nessun modo, e non riesco a capire da cosa derivi , a scuola vado bene e ho molti amici eppure quest’ansia mi sta tormentando ho provato in tutti i modi a cercare una soluzione ma non faccio altro che fuggire dal problema e non ne posso piu. Aiutatemi!

    • Ciao Angelica,
      La meditazione può essere senza dubbio di aiuto, ma ti consiglio di non sottovalutare i sintomi dei tuoi disturbi e chiedere sempre il parere di uno specialista.
      Non siamo dei medici e non possiamo fornirti la soluzione ai tuoi problemi perché non ne abbiamo le competenze.
      Ti auguro una splendida giornata 🙂

  • Avatar Enrico says:

    Ho letto questo articolo un po’ di tempo fa, durante un periodo duro
    della mia vita durante il quale avevo attacchi di panico alla notte e ansia continua di giorno.
    Questi consigli mi sono stati molto utili, pian piano sono tornato a stare meglio poi bene..
    Ma io c’ho messo un anno di sacrifici.
    Le ricadute sono state meno frequenti ed intense.
    Ho capito che spesso le ricadute erano precedute da un periodo in cui
    cadevo in una errata impostazione mentale .( non saprei come definirla )
    Pensieri ricorrenti ed ossessivi, pessimismo ecc.
    Tutti i giorni cerco di fare attività fisica e una dieta sana,
    quando sto peggio arrivo a prendermi in giro e cerco di farmi una risata sapendo che
    tanto passa….e va subito meglio.
    Per l insonnia devastante della fase acuta a me ha dato una mano un
    integratore in bustine con Magnesio + Melatonina + Griffonia e Triptofano facilmente reperibile in farmacia e tempo….Un abbraccio e tanto coraggio a tutti.

  • Avatar francesco says:

    Ciao a tutti. Ho letto molti dei messaggi, anche io ho da circa 2 mesi problemi di ansia che mi condizionano gravemente. A differenza di molti, però, io non ho paura di malattie o di morire, ma che mi vengano conati di vomito o di vomitare davanti a tutti; infatti, i miei peggiori sintomi sono una forte pressione alla gola, palato sensibile, difficoltà a deglutire, stomaco che si “impalla”. Penso si tratti di un’ansia differente, che va sotto il nome di fobia sociale, che mi crea disagi e paure quando mi relaziono con gli altri

  • Avatar Ale says:

    Ciao, non sapete che sollievo mi da leggere che non sono la sola a vivere in questa condizione.
    Io sono nata con l’ansia, non ho ricordo di me senza periodi di ansia.
    Oltre ad affollarsi la mente di pensieri impazziti, mi si paralizzano i muscoli, mi sento spasmi muscolari in faccia, formiche nelle mani, per non parlare del vuoto che mi si crea in pancia e nel petto.
    Purtroppo ad oggi (36 anni)non ho ancora imparato a gestirla.
    Me la lascio scivolare addosso, perdendo completamente la concentrazione per quello che stavo facendo, è come se venissi travolta da un treno in corsa.
    Questo è per me un periodo costellato di attacchi d’ansia improvvisi.
    Sono consapevole della situazione che mi scatena tutto ciò, ma ancora non ho capito come affrontarla.
    Spero che il tempo mi aiuti a gestire la cosa 🙁

    • Ciao Ale, ti auguriamo tutto il meglio. Non esitare a chiedere aiuto ad un esperto che ti psosa insegnare a gestirla Un grande abbraccio

    • Ciao Ale, ti auguriamo tutto il meglio. Non esitare a chiedere aiuto ad un esperto che ti psosa insegnare a gestirla Un grande abbraccio <3

    • Ciao Ale, conosciamo limitatamente la tua situazione.. … però quello che possiamo consigliarti è di essere sempre consapevole di cosa scatena la tua ansia nelle diverse occasioni. Se è la paura di fare brutta figura, essere abbandonata, derisa, la voglia di essere migliore di qualcun’altro etc etc. Questo ti aiuterà a capire come affrontarla a seconda dei casi. Inoltre non esitare a chiedere l’aiuto di un espert se senti di averne bisogno.
      Spero che questi piccoli consigli aiutino. Un grande abbraccio

  • Avatar Debora says:

    Salve! Mi chiamo Deborah, ho 21 anni. Premetto che è da un anno che ho iniziato a soffrire di attacchi di panico e ansia! All’inizio nn gli davo peso, anzi dicevo anche di nn essere una tipa ansiosa xo ora me ne inizio a rendere conto. Tutto è iniziato un annetto di anni fa, mi piaceva andare a correre e lo facevo quando inizio ad avvertire dolori e intorpidimento al braccio sinistro, nn gli davo peso xo qst “problema” al braccio ha iniziato a rovinarmi la vita letteralmente. Ovviamente la cosa piu sbagliata ke ci sia è andare a cercare su internet i sintomi e cosi mi spaventavo di piu! Mi hanno fatto tante visite, al cuore polmoni schiena braccio ecc ecc tt qll che c era da fare! Mi tranquillizzo x poco e subito inizio a pensare e ad avere paura di cose assurde, cm morire di infarto o altre cose cosi. Quando ero piccola mia mamma stava sempre male xk ha numerosi problemi alla coagulazione ecc ecc quindi era sempre a letto o in ospedale e la vedevo sempre piangere x il dolore, io penso che probabilmente la causa della mia ansia sia questa, non voglio soffrire come la mia mamma, xo qst pensiero mi distrugge e mi fa venire tt i dolori possibili immaginabili. Ora mi sono stancata di vivere cosi voglio prendere in mano le redini della mia vita e tornare ad essere la tipa solare e attiva cmlo ero prima! Il problema è che davvero non riesco, xk cm sento un qualsiasi altro dolorino mi vengono in mente che posso avere malattie bruttissime e qst mi porta a stare più male! Ho davvero bisogno di aiuto:(

  • Avatar Alessia says:

    Ciao, mi chiamo Alessia e ho 19 anni; Da un po’ di tempo a questa parte ho cominciato a sviluppare dell’ansia, inizialmente mi attanagliava solo in situazioni nuove e inaspettate, tipo concerti, viaggi ecc, facendomi vomitare poiché ahimè colpisce il mio stomaco; Da luglio a questa parte ho fatto la maturità, ed ha cominciato a colpirmi anche in situazioni stupide, come ad esempio il pranzo di classe o cose di questo genere, i miei esami di stato sono stati un inferno, ogni mattina mi sentivo malissimo e poi arrivavo a scuola e durante la “prestazione” però stavo meglio, c’è da specificare però che gli esami hanno portato per me un grandissimo stress, uniti anche al fatto che da marzo cerco di seguire una dieta (non eccessivamente severa) dalla quale ho anche ottenuto dei buoni risultati, ho fatto analisi ed accertamenti poiché pensavo di avere qualche problema legato al fisico dato che vomitavo spesso a causa di questa ansia e mi mancava completamente l’appetito, così è venuto fuori che sono sana come un pesce, un po’ la cosa mi ha rincuorato ma d’altra parte ha innescato in me molte domande come ad esempio “da dove viene quest’ansia?” “da cosa è generata?” in piu, oltre a questa da luglio si è aggiunto un certo malumore che non so come gestire, magari spesso e volentieri mi sento normale, ma non riesco più a sentirmi felice e spensierata come lo ero prima, sarà a causa di quest’ansia che mi rende vulnerabile in ogni momento, quindi ho spesso delle crisi di pianto e non so come uscire da questa brutta situazione, ho molte paure, non voglio prendere alcun farmaco e soprattutto non voglio cadere nella brutta trappola della depressione anche se comprendo che questo potrebbe essere benissimo un brutto periodo, purtroppo però mi sembra che spesso i miei stessi pensieri si prendano gioco di me anche quando sto bene, facendomi pensare all’ansia anche per cose assolutamente inutili o facendomi pensare ad esempio “come sto in questo momento?” cosa che mi fa rattristare poi ulteriormente perché mi rendo conto di non sentirmi felice, non sono più serena ecco, devo dire però che ho fatto dei progressi, adesso riesco a calmarmi all’aria aperta e senza vomitare;
    Oltre a tutto ciò, sono convinta che in parte questo sia dovuto al fatto che sto cercando di entrare a far parte del mondo del lavoro, di prendere la patente, dovrei in un certo senso rendermi utile per tirarmi magari su di morale, mi piacerebbe però ricevere qualche consiglio da qualcuno che decisamente ne sa più di me, sono io che mi ci fisso o effettivamente è già un gran problema?
    Grazie in anticipo.

    • Ciao Alessia,

      Grazie di aver condiviso con noi la tua storia. Sei molto giovane e il consiglio che mi sento di darti è di chiedere aiuto ad un esperto, uno psicologo potrebbe esserti di aiuto e sostegno. Inoltre prova a seguire i consigli che trovi nell’articolo, si sono dimostrati utili per tante persone. L’ultimo consiglio è cominciare un percorso di meditazione. Puoi cominciare con 5 minuti di silenzio al giorno. All’inizio i pensieri si accavalleranno l’uno sull’altro…e sarà quasi fastidioso sforzarsi di restare ferma, in silenzio. Ma meditazione non è assenza di pensiero, quanto consapevolezza di pensiero. In altre parole l’idea non è tanto quella di eliminare i pensieri quando chiudiamo gli occhi e ci prendiamo un momento di silenzio. Quanto invece quella di osservarli lasciandoli entrare e uscire dalla mente. La chiave è lasciare che facciano.

  • Avatar Michele says:

    Salve sono Michele,sto curando l’ansia da circa un anno,sono ipocondriaco ed ogni sintomo che sento come bocca secca,poca fame,giramenti di testa li collego ad un tumore,chiamo i medici una volta al giorno e cerco di essere rassicurato sempre,ho fatto analisi del sangue gastroscopia eccetera ma vivo nel terrore di brutti mali.Al mattino mi sveglio ansioso.La cosa che mi innervosisce e’che sono stato molto bene in questo periodo ora non capisco come possa essere tornata questa ansia cosi repentina…grazie dell’ascolto

  • Avatar leo says:

    salve sono leo,da parecchio tempo non vivo più serenamente;la mattina appena sveglio ho un peso costante sul petto,avverto dolori al tocco,dolori alla schiena e al collo,non riesco a digerire i pasti e ho sempre continue eruttazioni dopo i pasti; ;a volte noto bruciori alla bocca dello stomaco;a volte anche sbandamenti.
    I sintomi principali e che non mi lasciano per 1 secondo sono peso costante al petto,dolori al tocco e affanno a tirare il respiro sano,non sono padrone della mia respirazione.Non mi sento libero perchè oppresso costantemente dal peso sul petto.
    Elettrocardiogramma ok e prova spirometrica ok. ora non so se si tratta di esofagite da reflusso o è solo una questione di ansia cronica.Per favore aiutatemi.Grazie in anticipo

  • Avatar Valentina says:

    Salve , il mio problema con l’ansia è nato all’improvviso un giorno con un’abbassamento di pressione mi mancava l’aria non riuscivo a respirare ma pian piano mi è passata,credevo non succedesse più credevo fosse stata una cosa passeggera invece no, è diventata una mia paura costante qualcosa che mi blocca ogni giorno,non mi permette di stare tranquilla completamente,la mattina mi alzo è sento già un blocco allo stomaco per colpa dell’ansia,per questa mia paura di stare male e di non riuscire a superare questo bruttissimo periodo che dura già da 4 mesi, ho fatto analisi dal mio medico ma sto bene, è qualcosa della mia testa che non mi permette di vivere bene,e fa stare male anche la mia famiglia e soprattutto il mio ragazzo, non so più che fare,mi capita all’improvviso ed è una sensazione bruttissima, mi batte all’improvviso forte il cuore è ho questa sensazione di blocco al petto, è vero per gli altri parlare e dire che non è niente è facile ma chi la vive ogni giorno sa di cosa parlo, ogni volta che ci penso e mi chiedono scoppio a piangere,ho paura di non poter vivere più la mia vita tranquillamente come facevo prima, ho bisogno di aiuto e non so a chi rivolgermi,potreste darmi dei consigli? Grazie

  • Avatar marco says:

    BuonGiorno…. Mi chiamo Marco ho 29 anni nella vita faccio il contadino (con tantissimo piacere) studio musica o meglio la musica insieme all’orto sono la mia vita,da quando ho 18 anni vivo da solo mi mantengo bene e non mi manca nulla ,ho una fidanzata operativissima e bellissima (troppo modesto ) ho tantissimi amici che mi stimano e mi vogliono bene,ho girato il mondo suonando in tantissimi posti bellissimi e facendo esperienze bellissime ma bando alle ciance..quando crescevo avevo l’ansia da viaggio però sono sempre partito poi dai 13 hai 23 anni sono stato benissimo ansia 0 (vengo da una famiglia dove il 95% dei miei zii e cugini soffrono di ansia )ora da qualche anno mi ritrovo queste paure non ho mai preso nulla di chimico (farmaci ecc.)ho solo fatto una cura omeopatica che mi ha aiutato tantissimo, ho questo nodo alla gola e il respiro corto mi batte il cuore a 1000 penso sempre che tutte le malattie sono dentro di me .Io l’accetto come un amico ma penso il PERCHè di quest’ansia se nn mi manca niente ma proprio niente tra qualche giorno devo partire andrò in un posto spettacolare dove si suona tutto il giorno e si sta insieme non vedo l’ora, ma solo al pensiero sono 2 giorni che appena apro gli occhi sto male .MI potete dare qualche suggerimento,rimedio per capire come affrontarla di solito mi basta stare a letto ma nn mi piace a 30 anni mi devo mangiare il mondo mi da fastidio essere come un vecchio. DISTINTI SALUTI GRAZIE MILLE

  • Avatar Virginia says:

    Ciao a tutti, io mi chiamo Virginia e ho appena finito il quarto anno di liceo. Da fine aprile ho iniziato a soffrire di frequenti attacchi di ansia legati sia ad un forte esaurimento, infatti ho dato il 300% di me stessa per rendere la mia famiglia e i miei professori felici, sia al terrore di avere un problema cardiaco. Tutto è iniziato con tachicardia dovuta al l’ansia ma poi dei dolori toracici mi hanno terrorizzato e ora vengono fuori ogni giorno. Da qualche giorno il mio petto si è addirittura gonfiato e quindi sto prendendo un antinfiammatorio. Le visite specialistiche mi dichiarano perfettamente sana, e il gonfiore dicono sia dovuto al fatto che essendo io impaurita tendoni muscoli del petto fino a farmi avere una tendinite. Il gonfiore mi ha infatti paradossalmente rassicurata perché vuol dire che il dolore non deriva dal cuore ma dalle costole e dai tendini interocostali… È davvero possibile che la paura di avere una malattia mi abbia portato a questo? Addirittura al gonfiore? Io sono sempre stata una persona soggetta ad attacchi di ansia e tremarella, da piccola prima di ogni saggio di danza tremavo e avevo molta nausea… Come posso passare una vita più serena, senza preoccupazioni e con più leggerezza? So che quest’ansia, se attaccata nel modo giusto, potrebbe scomparire per sempre ma ho paura che avendo io iniziato ad avere attacchi d’ansia così presto peggiorino sempre più nel corso della mia vita… C’è una possibilità per me di diventare serena e non preoccupata per il mio fisico?
    Ah volevo anche dire che il fatto che io abbia dato il 300% di me stessa deriva dal fatto che mi sento sempre rifiutata dagli altri, evitata ed inferiore quindi tendo a fare moltissime cose perché gli altri mi apprezzino.. Ma tutto questo è solo nella mia mente! Nella realtà sono una persona intelligente, bravissima a scuol, con una famiglia perfetta, fidanzata da due anni e anche particolarmente bella (non lo dico per vantarmi, ma per farvi capire che questo senso di rifiuto nasce solo dalla mia testa ed è fortissimo, mi impedisce addirittura di alzare la mano a scuola per paura che gli altri mi giudichino per quello che voglio dire!

    • Ciao Virginia, mi sembra che sei già a buon punto per il fatto di riuscire a comprendere che è tutto nella tua mente.

      Allenati ora a sviluppare la consapevolezza e la gestione delle tue emozioni. Un piccolo trucco che può funzionare: quando a scuola quando fai una domanda, focalizzati sul fatti che si tratta di una piccola sfida/gioco con te stessa. In quel momento stai alzando la mano non per essere approvata, ma per allenarti a sentirti bene qualunque cosa succeda. Qualunque cosa accada, avrai fatto un piccolo passo (ti sarai sentita meno in soggezzione) e la volta successiva andrà andora meglio ! Allo stesso modo quando gli altri alzano la mano e fanno una domanda, focalizzati sui sentimenti positivi che questo ti trasmette. A seconda dei casi: il coraggio che hanno avuto nel fare la domanda, l’intelligenza o la profondità della domanda stessa, il carisma che hanno dimostrato nel parlare, o semplicemente l’ilarità che hanno causato con la loro domanda magari fuori luogo o buffa 🙂
      Anche questo è un fattore positivo 🙂

      Il renderti conto che si può contribuire in vari modi con una domanda, ti farà venire voglia di farne di più 🙂

      Un abbraccio di luce

  • Avatar Pasquale Giovanni Nobile says:

    Ciao, a tutti, da un pò di tempo sono stato assalito da un attacco di ansia, paura, mi manca il respiro e a volte mi sento come un impotente a non riuscire a risolvere il problema di poter condurre una vita degna di essere tale. Ho 65 anni, sposato con 2 figli, uno di 38 anni e l’altro di 33 anni, disoccupati vivono a casa con me e mia moglie. Ho una pensione di circa 1.400 € mensili, con spese di luce, acqua, telefono, gas e tasse comunale di circa in media 500 € mensili e con il resto dover vivere. Quindi l’attacco di ansia, panico o non so cosa possa essere è scaturito da questa situazione. Per cortesia se qualcuno può rispondermi, ve lo chiedo aiutatemi. Grazie.

    • Ciao Pasquale, puoi trovare la forza di resistere all’ansia solo dentro di te.

      Quando senti l’ansia aumentare, non ignorarla… fermati un momento e cerca di capire cosa la sta facendo scattare.

      Dopo di che cerca di moderare il respiro, respiran profondamente.. spiegati perchè non c’è motivo di avere ansia,
      e pensa ai momenti in cui ce l’hai fatta, in modo da trovare la consapevolezza di potercela fare ancora una volta.

      Un abbraccio di Luce <3

  • Avatar Mattia says:

    Ciao,mi chiamo Mattia e ho 16 anni.
    Il mio problema consiste nel fatto che,persino nella migliore delle situazioni,non riesco a fare a meno di pensare a quando la mia felicità sarà scomparsa anziché a godermi il momento.
    Ad esempio,ho conosciuto da poco una ragazza fantastica e ci frequentiamo e ogni tanto io non riesco a fare a meno di cadere preda dell’ansia,perché quando lei non è con me non riesco a stare tranquillo e a non pensare ad un futuro in cui non sarà più con me.
    Ovviamente non dico che la mia storia debba doverosamente finire con “e vissero tutti felici e contenti.”,dunque col matrimonio et similia,però sono sicuro che se riuscissi ad essere meno ansioso e pauroso le cose per me migliorerebbero molto e riuscirei a stare meglio con me stesso e con lei.
    Mi piacerebbe avere un ulteriore consiglio,perché i miei sfoghi(pianti,urla,bruciare oggetti o sfasciarli)fanno preoccupare i miei genitori,quindi io mi sento anche in colpa e non se ne esce più.
    Grazie e buona giornata 😀

    • Ciao Mattia, per quanto può non essere facile devi prendere coscienza di quando questi pensieri stanno per accadere.

      In questi momenti cerca di parlare a te stesso come se stessi parlando al tuo bambino,
      con amore, per rassicurarlo – sempre con la verità – e allo stesso tempo farlo crescere forte.

      <3

  • Ciao a tutti mi chiamo pasquale vivo a napoli o 33 anni sposato da otto e un figlio di 7anni e da gennaio che nn vivo piu come prima sento che qualcosa e cambiato dentro di me sono sempre agitato impaurito preoccupato e angosciato ci sono giorni che sto quasi bene e giorni che non sto bene.

  • Ciao a tutti mi chiamo pasquale e vivo a napoli o 33 anni sposato da otto e una moglie e un figlio di 7anni. E da gennaio che nn vivo piu come prima sento che qualcosa e cambiato dentro di me sono sempre agitato impaurito preoccupato e angosciato ci sono giorni che sto quasi bene e giorni che non sto bene tipo nausea tremori preoccupazione e noia poi ci sono giorni che sto bene ma nn e sempre cosi tipo sono stato 3 giorni di fila senza nessun pensiero e sintomi come poter fare per stare bene grazie a chiunque di voi risponda un saluto a tutti

  • Avatar eleonora says:

    Sono una ragazza di 16 anni.
    Gia da piccola soffrivo di una specie di “attacchi d’ansia” in determinate situazioni e sono tornati da alcuni mesi. In pratica, quando mangio fuori e quindi non a casa mia e con altre persone, inizio a pensare che potrei vomitare e alla fine mi viene la nausea sul serio e non riesco più a continuare a mangiare. Questo quindi mi blocca e ogni volta che devo uscire a mangiare p fare dei viaggi vado già in agitazione. Ad esempio tra 2 settimane devo partire per un viaggio senza i miei genitori e ho già paura che mi si presentino questi attacchi. So che è una cosa solo psicologica ma non riesco a fare in modo di stare serena senza quel pensiero.

    • Ciao Monica, un metodo per lasciare andare questa paura è quello della visualizzazione. Scegli un momento in cui sei particolarmente rilassata. Per esempio mentre fai un bagno caldo, mentre ascolti la musica, dopo aver parlato con un amico.. qualunque momento sia migliore per te. E pensa al tuo viaggio. A quanto sarà interessante, quante cose belle vedrai. Immaginale nella tua mente i vari momenti del viaggio e assapora le belle sensazioni che potrai provare. Soffermati sulle belle sensazioni se puoi. prenditi almeno una decina di minuti … Poi, con calma, immaginati, dopo una di queste esperienze, ad andare a pranzo con i tuoi genitori. … Immagina di mangiare qualcosa che ti piace particolarmente.. Vedrai che la paura diminuirà a poco a poco

  • Avatar Angela says:

    Ciao sono angela 33 anni mamma di due splendidi bambini…l anno scorso facendo esami di puro controllo mi han detto di un possibile o meglio di un alta probabilità di tumore al fegato da quel giorno non ho fatto altro che vedere nero e piangere in continuazione…dopo 20/30 giorni grazie a una risonanza mi hanno confermato che non si trattava di tumore ma della presenza di un angioma quindi niente di preoccupante…ora una persona normale sarebbe felice be io no quella paura mi ha scosso così tanto che anche il dolore più assurdo mi fa stare male non riesco a condurre una vita normale credo di avere una sorta di attacco di panico che non do a vedere all esterno ma nella mia testa non faccio altro che pensare a cose brutte alla morte e a tanti pensieri negativi che non mi fanno vivere bene piango spesso e mi capita di mettetmi a letto la sera e aver paura di dormire per non chiudere gli occhi…non voglio sembrare pazza per questo non mi confronto con uno specialista anzi il fatto che io lo stia raccontando mi da quella sicurezza che sono lucida…scusate ma secondo voi si tratta di ansia?

    • Ciao Angela, non è certo pazzia, ma potrebbe esserti di aiuto il confronto con uno specialista. Purtroppo ci sono a volte preconcetti verso questo tipo di visite, ma in realtà così come il nostro corpo può aver bisogno di cure, così ne ha bisogno la nostra mente e il nostro spirito a volte 🙂

  • Avatar Se says:

    CIAO, credo di soffrire di attacchi di panico, sono sempre stata ansiosa ma adesso non riesco più a fare nulla, rimarrei sempre in casa, da un mese e mezzo ad oggi ho attacchi quasi giornalmente. al ristorante, in riunione, a portare bimbi a scuola, nei negozi, al a….non so piu che fare……

    • Ciao Serena. Ci sono diverse accorgimenti che puoi utilizzare giornalmente per migliorare su questo fronte. Uno è senz’altro accorgerti quando il tuo stato inizia a cambiare e quindi cercare di interrompere l’attacco di ansia prima che si presenti. Per fare questo una tecnica eccezionale è quella della respirazione. Prendi un respiro profondo per 4 secondi, trattieni l’aria sempre per 4 secondi e poi espira lentamente. Puoi ripetere questo esercizio fino a che non ti senti meglio.
      Puoi unire poi altre pratiche giornaliere come la meditazione mattutina, ascoltare musica rilassante durante la giornata e praticare attività fisica aerobica. E’ davvero un toccasana!
      E ovviamente un buon sonno 🙂

  • Avatar Marco says:

    Ciao. Soffro d’ansia e attacchi di panico dall’ottobre 2014. Non ne posso più. Ho provato tutto, psichiatri, psicologi, cure farmacologiche. Niente..questo non è vivere..
    Scusate

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Marco,
      Grazie per aver condiviso la tua storia con noi. Tutto nasce dai nostri pensieri e, quando sono negativi, questi scatenano una reazione emotiva e fisica che ci fa stare male. Concentrati su ciò che di bello c’è ora nella tua Vita, questo distoglierà la tua mente dai pensieri negativi e dalla tristezza (puoi cominciare da qui http://omnama.it/blog/gratitudine) Per superare l’ansia prova a seguire i consigli anche di questo articolo ( http://omnama.it/blog/calmare-lansia) e datti il tempo necessario per sedimentarli e lasciarli crescere. Hai provato a creare l’abitudine di prenderti dieci minuti appena senti che i sintomi dell’ansia sono alle porte per rilassare la mente e il corpo? Ansia e rilassamento non possono coesistere come emozioni e nel momento in cui ti focalizzi su una delle due l’altra scompare. Puoi anche rivolgerti a uno specialista della salute,uno psicologo, che ti possa suggerire tecniche efficaci per calmare l’ansia in modo profondo e veloce.
      Spero di esserti stata d’aiuto 🙂
      Un abbraccio di Luce

  • Avatar Franco says:

    Ho 21 anni, ho da poco perso mio padre, soffriva di depressione. All’ inizio oltre al dispiacere non avevo niente. Giusto ieri sera ho iniziato a sentire un blocco alla gola e un senso di agitazione terribile che sta durando anche adesso. Ho letto questa guida e ho iniziato immediatamente a sentirmi un po sollevato, nonostante il ”peso” alla gola rimanga. Volevo seriamente prendere in considerazione la meditazione e ritornare in palestra. Grazie a Silvia e anche a tutti voi per condividere le vostre esperienze. Mi aiuta molto.

  • Avatar Federicav says:

    Cari amici di internet. Vi chiamo amici anche se non vi conosco perché so quanto sia difficile e. Pesante pensare di avere qualcosa dentro che non va e che lo si vorrebbe solo fare sparire. Vorrei raccontare in parte la mia esperienza. Quando ho avuto il panico, l’ansia non mmi lasciava maii. Credevo di impazzire, che non sarei riuscita a farcela. Avevo paura, paura dii quello che ero che provavo, di cosa pensavano gli altri e di cosa sarebbe successo in futuro . Ero spaventata. Ecco. Se devo essere sincera parlarne mi emoziona. Cmq quando il medico mi ha prescritto gli ansiolitici non immaginavo che sarei arriivata anche a. Prendere farmaci ogni giorno perché ogni. Giorno ne sentivo il bisogno. Doopo tre giorni di fila che prendevo xanax mi sono stufata. Ho detto non voglio fare questa vita. Non é la soluzione. Oggi é un anno che non ho più avuto attacchi di panico. Solo ansia ogni tanto ma non la vedo come una minaccia perché ormai si presenta solo in situazione di pericolo o. Stress non quando capita.

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Federica,

      Grazie per aver condiviso la tua esperienza con noi, sono sicura sarà di ispirazione per molti 🙂

      Un abbraccio di Luce

  • Avatar Antonio says:

    Salve a tutti,mi chiamo Antonio e ho 32 anni.Vi faccio partecipi della mia esperienza.Un anno fa ero con amici a uno spettacolo di showgirl americane (non vi fate cattivi pensieri),bevevamo una sana birretta e tutto procedeva x il meglio. A un certo punto inizia a mancarmi il fiato,inizio a sudare freddo e avevo dei crampi fortissimi allo stomaco.Mi alzo e mi allontano,credevo di morire perchè ho subito pensato a un infarto.Inizio a camminare fuori dal locale e non riesco a orientarmi;mi metto le due dita in bocca per rimettere volontariamente ma niente.Allora decido di chiamare gli amici e di farmi accompagnare al pronto soccorso.Arrivo li,esami su esami,cuore,sangue…niente di niente.Mi fanno andare via spiegandomi che è soltanto uno stato d’ansia.Mi prescrivono delle gocce che servono a rilassare i muscoli e i nervi. Da quel momento ho vissuto un calvario per un mesetto circa.Avevo paura a guidare,ad uscire,ad andare a mangiare una pizza con la mia ragazza perchè a volte l’ansia mi faceva provare “il brivido” di aver difficoltà nel deglutire.Tra parentesi io faccio sport automobilistico agonistico e quindi immaginatevi a salire su un’auto da rally con la paura che si possa presentare all’improvviso uno stato d’ansia.Li mi son fatto coraggio da solo.Dovevo superarlo da solo (anche perchè ho un lavoro stupendo ,una ragazza meravigliosa,amici e una famiglia bellissima).Mi ha aiutato tantissimo un’amica che soffre da anni di attacchi di panico.Lei mi ha spiegato le tecniche di respirazione,il cercare di distrarmi mentre inizio a sentire i primi sintomi dell’ansia,a canticchiare,a sparare fesserie con gli amici.E cosi,da aprile ho iniziato a stare meglio con me stesso,a convivere con l’ansia che mi viene molto molto raramente.E sempre allo stesso modo,all’improvviso.Solo che ora mi rilasso subito perchè so CHE DI ANSIA NON SI MUORE,viene,ti saluta e se ne va da sola. Lasciate perdere i medicinali (le famose gocce le ho buttate nella spazzatura appena ho capito che servivano solo nel placare momentaneamente l’ansia).Respirate profondamente e contatevi i respiri,dopo 1 minuto già starete meglio.Al massimo aiutatevi con una camomilla o una tisana.Cercate di fare sport (anche la palestra o una bella camminata in bicicletta) e non pensate a nulla. Un caro saluto a tutti.

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Antonio,
      Grazie per aver condiviso i tuoi consigli con tutta la community.
      Sono sicura che saranno di aiuto a molti 🙂
      Un abbraccio di Luce

  • Avatar Giuseppe says:

    Sono Giuseppe e ho 18 anni, ora ho capito veramente cosa è l’ansia e il messaggio che voleva darmi, anche perché compariva sempre dopo qualche mio errore che andava contro il mio essere, quando mi veniva avevo voglia di fuggire e mi sentivo precipitare dentro me stesso,senza parlare della paura che mi stava facendo impazzire. Ieri mi è venuto un altro colpo d’ansia e le paure sono durate sino a qualche minuto fa,ma grazie a voi ho capito il messaggio e sono scomparse tutte le mie paure,mi ha aiutato tanto scrivere quello che provavo e che sentivo dal profondo della mia anima è ho iniziato a capire in 2 anni quanto mi sono allontanato da ciò che sono realmente,diventando quasi un’altra persona senza ascoltare più la mia anima. Ho scritto tutti i miei errori e mi sono promesso dal profondo del cuore che non li avrei più fatti,in un minuto posso giurare che è scomparsa.

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Buongiorno Giuseppe,
      Siamo felici di sapere che hai superato l’ansia grazie anche ai nostri consigli 🙂
      Un abbraccio di Luce

  • Avatar mery says:

    Mi e’piaciuto il commento sul superamento dell’ansia parlandone a persone care.leggendo tutte le varie testimonianze mi ha impressionato constatare quante persone siano nella mia condizione e lottino come me.anche io ho smesso di temere l’ansia. ora la considero una rompiscatole che periodicamente viene a visitarmi e per educazione non la scaccio in malo modo ma cerco di allontanarla il piu’ presto possibile.ho le mie giornate buone e quelle cattive.le buone sono quando la rompiscatole non c’e’e allora ne approfitto per godermi la vita e fare il il piu’ possibile. vedere amici uscire fare gite.quando arriva limito i miei impegni anche con qualche bugia diplomatica e via dicendo.mi aiuta l’eta’ io sono pensionata. E cosi’tiro avanti tanto ho capito che ci devo convivere.qualcuno la pensa come me? Ciao a tutti da mery.

  • Avatar Danilo1989 says:

    Ciao a tutti ho 26 anni da quando ne avevo 19 soffro di depressione e ansia..Ho cambiato molti farmaci che mi hanno portato dei miglioramenti, ma all’ennesima prova di vita sono stato nuovamente male e dovevo cambiare cura…oggi per colpa dell’ansia ho perso una buona opportunità di lavoro in quanto mi sveglio vomito tremo non riesco a mangiare e sto meglio solo verso la sera…il tutto ricomincia il giorno seguente. Attualmente prendo farmaci ma evidentemente non fanno il loro lavoro…Ho 26 anni, piango spesso e sono angosciato..ho paura di vivere mi sento fallito..Non riesco a pensare positivo e a controllare l’ansia ….sono di Genova e ho provato un percorso psichiatrico che all’ Asl di Genova Bolzaneto in 6 sedute ho incontrato 4 dottori diversi e dovevo ripetere sempre la stessa storia…mi fa tristemente piacere il fatto che molti giovani come me siano in condizioni simili..avete consigli per favore?.vi auguro ogni bene

    • Avatar Paola Fazio says:

      Ciao Danilo,
      Grazie per aver condiviso la tua storia con noi.
      Tutto nasce dai nostri pensieri e, quando sono negativi, questi scatenano una reazione emotiva e fisica che ci fa stare male. Concentrati su ciò che di bello c’è ora nella tua Vita. questo distoglierà la tua mente dai pensieri negativi e dalla tristezza (puoi cominciare da qui http://omnama.it/blog/gratitudine) Per superare l’ansia prova a seguire i consigli dell’articolo e datti il tempo necessario per sedimentarli e lasciarli crescere. Puoi anche rivolgerti a uno specialista della salute,uno psicologo, che ti possa suggerire tecniche efficaci per calmare l’ansia in modo profondo e veloce. Facci sapere come va 🙂
      Un abbraccio di Luce

  • Avatar bruna says:

    l’ansia mi tortura quando devo affrontare qualsiasi problema nella mia vita. Persino aprire la cassetta della posta. Allora mi chiudo in casa, ma poi mi dico ” L’ansia mi serve ad evitatre il problema? NO! Con o senza l’ansia devo affrontare tutto ciò che mi si para davanti ? Sì ! Allora che me ne faccio dell’ansia? ” Mi fermo, respiro, realizzo. Questo mi dà la calma e il sorriso per aver capito.Non sarà molto, ma è un ragionamento utile per non sentire quel tonfo nel cuore e nello stomaco. Grazie per per ciò che dite, tutto può diventare illuminazione per uscire da questo tunnel dell’ansia patologica.

  • Ciao Silvia, complimenti!
    Ottimo articolo ricco di idee e spunti pratici per risolvere questo annoso problema.
    Grazie

  • Avatar Giorgio says:

    Mi sta uccidendo… perdita di capelli, stanchezza, mal di testa… non capisco più come combattere o convivere con l’ansia e i repentini cambi di umore… da tranquillo divento irrascibile, da felice, triste, da tranquillo ad ansioso… che fare?

    • Avatar Paola Fazio says:

      Ciao Giorgio,
      Grazie per aver condiviso la tua storia con noi.
      Tutto nasce dai nostri pensieri e, quando sono negativi, questi scatenano una reazione emotiva e fisica che ci fa stare male. Concentrati su ciò che di bello c’è ora nella tua Vita,questo distoglierà la tua mente dai pensieri negativi e dalla tristezza (puoi cominciare da qui http://omnama.it/blog/gratitudine). Per combattere la stanchezza fisica dai un’occhiata qui:http://omnama.it/blog/stanchezza-fisica. Per superare l’ansia prova a seguire i consigli dell’articolo e datti il tempo necessario per sedimentarli e lasciarli crescere. Puoi anche rivolgerti a uno specialista della salute,uno psicologo, che ti possa suggerire tecniche efficaci per calmare l’ansia in modo profondo e veloce. Facci sapere come va 🙂
      Un abbraccio di Luce

  • Avatar Vivian says:

    Soffro di ansia non so più nemmeno da quando, ma è andata a fasi alterne.
    E’ ritornata prepotentemente 3 anni e mezzo fa’, dopo un aborto a cui è pure seguito mobbing sul lavoro, che per me era la mia vita. Mi sono perfino vista negare le ferie per fare visite mediche. Da lì credo sia iniziato tutto, anche se non ero cosciente. Dopo un intervento sono rimasta nuovamente incinta, ma, ahimè, la paura che si ripetesse quanto era accaduto ha preso il sopravvento e a causa della pressione sempre elevatissima e delle contrazioni, sono dovuta restare subiti a casa dal lavoro. Questo ha peggiorato le cose: l’ansia è aumentata per la paura delle ripercussioni che la mia maternità anticipata avrebbero avuto sul lavoro. Non ho quasi mangiato per tutta la gravidanza vomitando di continuo. Poi è nato il bimbo e qui ci sono stati altri guai: a causa della mia gravidanza anomala è nato con l’apparato gastrointestinale immaturo ed è stato malissimo fino all’età di 2 anni. Urlava sempre, non mangiava e vomitava, come me. Non l’ho potuto quindi mandare al nido e questo mi ha causato altra ansia per la gestione del bambino. Tornata al lavoro, non so se per riflesso delle mie paure o realmente, il mobbing è diventato esasperante eppure ho ottenuto il part-tima. Ma l’ansia è peggiorata, il bambino stava male, io piangevo ogni volta che dovevo andare al lavoro, non dormivo più e solo 15 giorni dopo il mio rientro ho avuto una faringite che mi ha portata ad avere 41 di febbre e da lì è stato il declino. L’ansia e l’insonnia mi hanno logorata e da 1 anno e mezzo, ovvero da quando sono rientrata al lavoro, ogni mese mi ammalo e devo stare a casa in malattia fatto che complica ulteriormente le cose. Caso vuole che mio figlio si ammali anche lui sempre 2 giorni dopo di me. La mia vita è fatta di ansia e incubi da cui non so più come uscire. Vado da una psicologa da 1 anno, ma senza grandi risultati. Solo il mese scorso, durante le ultime vacanze sono riuscita a fare un po’ d’introspezione e a capire che in realtà non ho mai superato nè il trauma dell’aborto nè tanto meno quello che ne è venuto dopo al lavoro. Non posso perdonare quello che mi hanno fatto e sono troppo fragile per subire ancora. La soluzione più semplice sarebbe lasciare il lavoro ma poi penso “siamo sicuri che l’ansia mi lascerà in pace? O tornerà?”. IO temo che dopo poco tornerebbe per altri motivi, per la paura inconscia di perdere mio figlio, per il giudizio degli altri ecc. Non so più come uscirne e quest’anno sono al 7° ciclo di antibiotici e ne ho pure fatti 3 di cortisone!

  • Avatar giulia says:

    ciao sono giulia una ragazza di 22 anni. ho sempre sofferto d ansia scolastica ma non era un problema anzi ci ridevo su insieme ai miei comapgni e insegnanti dato che facevo ridere talmente ero agitata. i veri attacchi d ansia e di panico mi sono venuti da dicembre 2014 ovvero da quando ho terminato la scuola. non sapevo cosa fare se studiare o lavorare non sapevo più quale fosse lo scopo della mia vita. ero abituata a una vita che mi piaceva e che sapevo cosa fare. vedere che tutti sapevano cosa fare o dove andare mi faceva davvero male. come se non bastessa questo la mia migliore amica ( da ormai 5 anni ) mi ha abbandanota per fare la sua nuova vita ci ho sofferto molto e ci soffro ancora ogni tanto con pianti se penso ai nostri ricordi. e ho notato che gli attacchi di panico e d nasia me li ha provocati pure questo suo abbandono. da marzo a luglio non mangio bene perdo peso e tutto. quest estate sono svenuta davvero tante volte allora ho capito che non potevo andare avanti cosi perchè io sono giovane e voglio vivere al meglio quanto posso la mia vita. ho iniziato a mangiare e ho messo su 3 chili il problema del cibo non ce più lunica cosa da gestire è lansia dei giorni mi provoca che devo fare i respironi e i giramenti di testa vorrei gestire l ansia e gli attacchi di panico in modo autonomo senza andare dalla psicologa o prendere farmaci ci vorrei riuscire 🙂 per iniziare a fare una vita normale come ho sempre fatto per 21 anni facendo le cose più semplici grazi

  • Avatar Carlo says:

    Della volte mi sento incatenato da impegni che non voglio svolgere ma la mia coscienza mi suggerisce di DOVER fare. svolti i doveri mi sento più tranquillo ma ritrovo me stesso quando uso marijuana perché libero la mente e ogni azione torna frutto di quello che sono. Solo così porto avanti al meglio il mio lavoro!
    Spero di poter aiutare qualcuno con il mio commento

  • Avatar raissa says:

    ciao a tutti sono raissa ho 25 anni , sono una transsessuale… . ho superato tanti ostacoli in questi ultimi 2 anni e ho imparato a gestire molto i miei sentimenti, in uni situazione trovata avanti… ma questo ecesso di auto controllo emozionale, mi ha ispinto a vivere questo anno con anzia , con paura , per fino un po di depressione. oggi quando ho letto il vostro sito per la prima volta sono riuscita ad avere sollievo a questa paure e anzia continua, vorrei potere capire di piu, forse anche meditare di piu , ma grazie dai consigli sono stadi molto utile…

  • Avatar Rossella says:

    Ciao a tutti! Sono Rossella e ho quasi vent’anni! Tra qualche giorno dovrò affrontare l’esame orale di maturità e non so come rassegnarmi al fatto che prima o poi dovrò essere davanti alla commissione e dovrò parlare, ma questa sensazione di vulnerabilità mi mette in uno stato d’ansia e angoscia. Ho sempre sofferto d’ansia, sin dalle medie, non ricordo il momento preciso che fece scaturire questa emozione in me perché l’ansia mi lascia ricordi confusi, vaghi. Molto spesso quando devo dare una semplice interrogazione e accolgo tutti i sintomi dell’ansia non riesco neanche più a parlare e se ci provo balbetto. Per questo sono stata spesso derisa e il solo pensiero mi fa divorare dall’ansia. Sono stata da una psicologa e pratico yoga ma fa solo un certo effetto. Sono anche una cantante e mi esibisco molto spesso, parlo spesso, mi relaziono con il pubblico e con le persone della mia scuola di musica ma non provo ansia e angoscia, anzi sono molto tranquilla e rilassata e non balbetto. Dunque, vorrei un consiglio su come potrei affrontare questo esame, perché davvero non riesco a togliermi questi pensieri dalla testa e vorrei fare anche bella figura! Grazie in anticipo!

  • Avatar Gabbo says:

    Salve, sono quasi maggiorenne e credo di soffrire d’ansia da circa 2 anni, nella mia, seppur ancora giovanissima ho subito diverse esperienze che mi hanno maturato tantissimo.. Ma spesso quando ci penso ricordo che è stato difficilissimo superarle e mi rattristisco profondamente.. La prima causa della generazione d ansia penso sia proprio la solitudine, se ti chiudi in casa ed esci dopo un po di tempo, beh quell uscita sará di sicuro una sofferenza. Ho iniziato ad avere attacchi d ansia circa l estate di due anni fa, amavo giocare ai videogames e gli dedicavo molto tempo e seppur giocando con altre persone, era pur sempre solitudine, cosi quando iniziò la scuola dopo aver fatto vari esami subito mi accorsi di soffrire di attacchi d ansia che probabilmente sono stati generati in quel periodo. Gli attacchi d ansia sono la cosa piu brutta che esista, la gola ti si stringe come se stessi soffocando, se provi ad ingoiare qualcosa quasi vomiti e l unica cosa da fare è restare calmi e non farsi prendere dal panico, non pensare al cibo ma a relazionarsi con chi ti è vicino, scherzare e riderci insieme.. L ansia mi durò 3-4 mesi, quando poi mi fidanzai con una ragazza e l ansia quasi sparí per tipo 4-5 mesi probabilmente perche con lei riuscivo a comunicare tutti i miei problemi o magari non pensavo a cose negative se parlavo con lei. Infatti la psicoterapia puo essere utile sopratutto perche puoi parlare di qualsiasi cosa che non riesci a comunicare a qualcun altro ma di cui hai molto bisogno. Quando tutto sembrava andare magicamente bene mi lasciai con questa ragazza e beh quasi sprofondai in un burrone, lo stress mi generò ansie ma ormai avevo imparato a gestirle.. A volte ho provato anche il fumo come rimedio ma alla fine e anche peggio poiche genera dipendenza e dipendenza e nervosismo sono collegati.Cosi attraverso sport e varie attivita che mi rendevano sereno riuscii a sopprimere gli attacchi che tanto odiavo, addirittura fui coraggioso da intraprendere un viaggio vacanza per due settimane nonostante l ansia che mi affliggeva.. E posso dire che a parte la prima settimana che fu un po sofferente, la seconda settimana fu davvero fantastica, mi rese davvero sereno quando ritornai a casa.. Ora a distanza di un anno alterno periodi d ansia a periodi normali di circa 20 giorni. Un consiglio che posso darvi è di non farvi prendere mai dal panico, spegnete i cellulari e rilassatevi, andate a farvi una bella passeggiata al parco o magari andate al mare, se siete maschi pensate alle ragazze e viceversa, non ce cosa migliore dell amore per farvi stare bene, anche se puo essere pericoloso. Spero di esser stato d aiuto per altre persone che come me soffrono di questa fottuta ansia 🙂

    • Avatar Jessica says:

      Ciao, Mi chiamo Jessica ho 21 anni e soffro d’ansia e attacchi dal 2008. Nel 2008 a capodanno sono finita in ospedale x un attacco d’ansia o di panico, non sono riusciti a dirmi cosa avevo dopo 10 giorni di ricovero. Avevo passato una serata tranquilla quindi niente di particolare.. Da la, la mia vita è cambiata, si è rovinata per colpa di questi attacchi. All’inizio giramenti di testa persistenti e non si sa dovuti a che cosa, si ipotizza all’ansia. e dopo un pò quest’ansia sembrava sparita. dopo qualche mese capitava raramente. e da qui a 2 anni. attacchi d’ansia perenni 365 giorni. é da un anno k prendevo efexor 75 mg a rilascio prolungato x calmare questi attacchi. ma cmq ogni tanto persistevano come se le emozioni dentro di me diventasssero buie e pensavo solamente a cose negative. Non riesco a stare da sola, quando sono in giro da sola anche per poco sento la preoccupazione addosso, mi accorcia il fiato, faccio fatica a respiarare. Ogni tanto cerco di regolarizzare i battiti del cuore facendo respiri profondi ma facendo questo l’ansia si scatena facendomi piangere e urlare per la disperazione e il malessere che ho dentro. E la testa gira gira e mi sembra di cadere, di svenire. e la paura di stare male e morire persiste. è da un mese oramai che ho smesso di fare la cura xke voglio eliminare definitivamente il problema con le mie forza. MA è difficile. Cercare di cambiare la tua vita è complicato, non ci sono i modi. Tra poco dovrei trasferirmi e spero che questo risolva il mio problema perchè questa casa mi provoca stress e forse questi attacchi sono anche x via di volere la mia indipendenza iniziando a vivere finalemnte la mia vita. Trovare un lavoro e vivere col mio ragazzo. Chi non soffre di questi episodi non può capire il malessere che questa “malattia” causa, le sensazioni e il cambio umore d’improvviso . Quel malessere che ogni tanto vuoi solo piangere, piangere e sfogarti cercando di capire cos’è la causa di questo. Volere qualcosa e essere destabilizzato dal non poter fare, dal non trovare. Da tutto ciò che questa vita può offrire. Si dice perchè lui può e io no?! Perchè prima ero IO e adesso mi sento un altra? con un anima triste che non sono io?! voglio tornare come prima, senza pensieri negativi senza malessere. ma come fare?! respirare cercare di capire. ma poi si risolve?! si risolve questo malessere?!
      ps: scusate lo sfogo.

  • Avatar daniela says:

    ciao a tutti. chiedo : e se voi sapeste benissimo cosa vi procura l’ ansia e il panico ma non ci fosse un rimedio a breve termine? tipo perdere il lavoro e vedere il marito depresso ? io ho talmente paura che ho paura di perdere il controllo. capita a nessuno? sono cosi’ influenzata dalle brutte notizie del telegiornali e sono cosi’ sensibile che ho paura che possa succedere a me. tipo perdere la testa e non sapere cosa fai …..e mi fermo li…… non c’e’ nessuno che ha questa paura? grazie . daniela

  • Avatar martina says:

    Ciau! Come potete vedere io sono Martina, sono minorenne, e soffro dal 2012 di attacchi di panico, tutto ciò è dovuto a quando andavo a scuola, ero vittima di molti, definiti da loro, scherzi, che per me non lo erano affatto, e prese in giro, che mi davano fastidio, avevo poche persone accanto, e quando ho avuto il mio primo attacco di panico, ho avuto un mandamento di aria tutto la serata, e le cose sono continuate cosi fino al giorno d’oggi, sono andata dappertutto, ma in questi giorni ho ancors attacchi di ansia, e non riesco a focalizzare la mia attenzione su ben altre cose, per distrarmi, quando mi arriva, a volte mi sento molto male, delle volte emnon è difficile affrontarlo, in questi ultimi giorni un po di piu, per me e difficile gestire la mia vita, se ho quest’ansia, e io ancora non so come fare per gestirla, sto cercando su molti siti per cercare di essere compresa, uno di questi e il vostro,che d’ora in poi leggero, spero davvero Che tutta quest’ansia oassi perché sono piccola, mi mancano due anni per essere maggiorenne, e voglio avere un lavoro, e cercare anche di farmi coraggio nelle difficoltà! La mia ansia e quelle di tutte non può vincere, non voglio, e come se venisse e ti soprimesse per un po tanto ciò che fai e i tuoi momenti!

  • Avatar nikla says:

    Ciao a tutti,mi chiamo viktoria e ho 24 anni..da circa un anno,anche io ho attacchi d’ansia,il primo attacco fu abbastanza pesante e durò per ore,non prendevo pace e mi affossavo su pensieri negativi. Da quel giorno gli attacchi si ripresentarono più spesso e cominciai a usare gli ansiolitici,poi d’un tratto sparì tutto come se niente fosse e mi autoconvinsi di star bene e ripresi a condurre la mia vita come prima..oggi é ricominciato tutto dall’inizio,tremo,vomito,sudo di tutto e di più..ho perso molto peso a causa di questi attacchi e ora che avevo ripreso la cosa in mano ho paura di perdere di nuovo peso e il controllo di me stessa,di stare male..tutti mi dicono di andare da uno psicologo ma sinceramente vorrei vedermela da sola,anche perché ho paura che non può aiutarmi e così mi impunto su altri pensieri negativi. Non so cosa fare :/

  • Avatar Alessandro says:

    Ciao a tutti/e, penso anch’io di essere caduto in trappola dell’ansia, da quasi 4 anni. Mi sto rendendo conto adesso che può trattarsi di ansia, dopo avere fatto tutti gli esami del mondo, e anche di più. Ci sono mesi che sto bene, e poi magari per due o tre mesi non respiro più. Respiro bene solo quando dormo, mi dicono i miei, e la mia vita quando sto male diventa davvero brutta. Non riesco a camminare, io che amo fare lunghe passeggiate. Chiamamola fame d’aria, molto forte. Sono sicuro che questo articolo mi aiuterà, e giorno dopo giorno sono sicuro di poterla dominare. Le cause le so, ma al momento posso fare poco o nulla per risolverle, devo saperle accettare e non averne più paura.

    Ringrazio davvero tutte/i voi per i vostri commenti, che mi hanno dato più forza, e tornerò presto nel momento in cui potrò dire di avere dato un calcio all’ansia.

    Grazie di cuore, e a presto.
    Alessandro

  • Avatar ugo says:

    La solitudine è la causa della mia ansia.Prima non sapevo cosa fosse la prima crisi dopo un anno dalla morte di mio padre e oggi sono passati 28 anni sembrava che la stessi allontanando ma poi 4 anni fa’ ho perso mia madre e due anni fà mio fratello per una brutta malattia e oggi sono vittima ancora di piu’ di questa situazione mi è rimasto solo un fratello e due nipoti ho provato di tutto ma il vuoto profondo non riesco ad allontanarlo.

  • Avatar Mariangela says:

    Ciao a tutti, sono Mariangela e ho quasi 15 anni.
    Sin da piccola (scuole medie e elementari) mi capitava raramente di avere mal di pancia a scuola.
    Mia mamma lo attribuiva a qualcosa che mangiavo (visto che da neonata ha dovuto cambiare molto latte a causa di rigugiti) oppure al fatto di non voler andare a scuola.
    Fatto sta’ che era da circa due anni che non avevo piu’ questo strano mal di pancia.
    A settembre ho iniziato la scuola superiore e per i primi mesi andava tutto liscio.
    Inizialmente mi ero cullata sugli allori, certa che mi fosse tutto dovuto per il mio 10 delle medie; poi, pero’, mi sono messa a studiare.
    E’ da circa quattro giorni che, appena sono a scuola o sto’ per andarci, mi prendono dei mal di pancia assurdi.
    Oggi, per esempio, volevo andarci ma.una volta arrivata davanti a scuola, sono dovuta tornare in dietro.
    E’ come se una volta varcata la soglia della scuola, il mondo mi crolla addosso e il mal di pancia triplica.
    Anche se mentalmente mi autoconvinco di entrare, ripetendomi che sono perparata ed ho studiato, che sara’ una giornata tranquilla e che spiegheranno soltanto, l’ansia non vuole lasciarmi.
    Che cosa dovrei fare?
    Siamo ad Aprile e manca solo un mese alla fine della scuola.
    Mi sembra di impazzire, perche’ vedo il programma andare sempre piu’ avanti, le interrogazioni e i compiti da recuperare, le assenze che aumentano e il mal di pancia che resta.

    • Avatar martina says:

      Ciao! Io ti capisco, le mie ansie sono dovute anche a ciò! Anzi, io non vado a scuola, per questo motivo, ti consiglio di andarci, anche quando non vuoi, o ti cullerai e non ci andrà più! Fidati, vai anche se gomiti,anche se hai un brutto mal di pancia, cerca sempre di autoconvincerti e fatti aiutare da te stessa, amici, o familiari! Per non andarci io due giorni, diciamo così, ora non ci vado più, pensa alle cose negative che potrebbero succedere se non ci andassi, io vivo con la costante paura di no riuscire ad andarci mai più, e di non riuscire più più studiare!

  • Avatar Roberto says:

    Ciao, sono Roberto, soffro di ansia da circa 3 anni. Mi prende soprattutto nei periodi in cui non lavoro. Ormai la conosco bene e riesco a tenerla sotto controllo. Ho sempre paura che mi succeda qualcosa di brutto a livello fisico. È accompagnata da dolori al petto stomaco ecc.. Ogni volta che si fa sentire mi dico: “tranquillo è la solita sensazione, ogni volta sembrava dovesse succedere qualcosa ma non è mai successo niente.” così facendo riesco a superare il momento brutto. Anche a me, come a molti, mi prende quando esco, ma la soluzione migliore è quella di forzarsi a uscire. Se ti deve succedere qualcosa ti può succedere anche a casa. Non ho intenzione di prendere medicine. Quelle ti aiutano solo se sei debole e non hai la forza di reagire. L’ansia deriva dalle nostre paure, una medicina può togliere i sintomi, non la paura. Cercate di uscire, vedere gli amici, date un denso alle vostre giornate. La causa della mia ansia credo sia proprio questa, l’impressione di buttare la mia vita, di non fare quello che mi piace. Ora sto per partire per gli Stati Uniti per 3 mesi, vado lontano a sfidare me stesso, lontano da ogni certezza, da chi mi può compatire, proteggere. È qualcosa che solo noi possiamo sconfiggere. Non abbattetevi mai, combattete.

  • Avatar mattia says:

    Ciao,
    grazie per il vostro articolo. Sono stato da una psicoterapeuta e ho preso anche dei farmaci.
    Lo psicoterapeuta mi ha aiutato pochissimo, mi spiace dirlo ma solo i farmaci sono riusciti ad aiutarmi finora.

    Non so il perchè di quest’ansia e neanche il terapeuta mi ha dato delle risposte. Ho questi attacchi di ansia la mattina appena sveglio. Sento questa forte pressione sul torace e appena in piedi, mi vien voglia di vomitare.

    Al cambio di stagione, solitamente questa sensazione si acuisce. Si lenisce soprattutto in estate. Ma in questo periodo invece è molto forte. Cosa mi consigliate?

    Grazie

    • Ciao Mattia, grazie per aver condiviso la tua esperienza.
      Uno dei modi più efficaci per lasciare andare l’ansia in particolare al mattino è quello di tenere a portata di mano una traccia meditativa e dedicare i primi 10 minuti della giornata alla meditazione, focalizzandoti completamente sul tuo respiro.
      Questo ti potrà permettere di cominciare la giornata in modo più sereno e rilassato. Puoi cominciando qui http://omnama.it/meditazione-guidata-new
      Un altro consiglio che posso darti è di avvicinarti ad un terapeuta cognitivo- comportamentale specializzato nel rilassamento progressivo e nei problemi legati all’ansia.
      Questo perchè, come in ogni cosa, ci sono tecniche e strumenti più efficaci e non è sempre detto che un certo tipo di terapia possa essere d’aiuto in un caso specifico.
      Spero di esserti stata d’aiuto.
      Un abbraccio di luce 🙂
      Diletta

  • Avatar orlanda says:

    Ciao ragazzi,sono 2 anni che non riesco a dormire…mi viene un’ansia incredibile prima di coricarmi…Non riesco a rilassarmi…premetto che ho avuto un periodaccio che sembra finito…ma l unico problema che ho l’ansia se riuscirò a dormire o meno…ho provato con yoga,meditazioni,psicologo e via dicendo…sono diventata un caso clinico….Qualcuno di voi conosce un bravo psicoterapeuta a roma con prezzi accessibili da indicarmi?Oppure se c’è una scuola omnama a roma ci andrei volentieri…Grazie mille,attendo vostre risposte

  • Avatar lara says:

    Ciao sono lara…
    io da 18 anni soffro d ansia a causa di una storia troppo stressante con un ragazzo.
    ho passatto periodi di forti e frequenti attacchi e ho ripiegato le mie paure sul cibo…non deglutivo piu’solidi!solo liquidi e persi molti chili..
    questo perche’ero fortemente stressata ed una sera mi soffocai con un pezzo di carne e da li.. il calvario…momenti molto bui…la sera andavo a letto con violenti attacchi di brividi e al mattino non mangiavo nulla fino a sera…
    credevo sarei morta…ma pian piano mi sono ripresa…senza psicologi..ne gocce…da li ho tutto un rapporto diverso col cibo…la paura c e’sempre ma mangio tutto..gli attacchi invece sono andati scomparendo per vari anni finche’a 26 anni mi sono ritornati lievi attacchi con la seconda gravidanza avvenuta a 4mesi dopo la nascita del primo .. quindi ero un po preoccupata ed era dovuto a quello.quando non sono tranquilla fatico a mangiare.. mi si blocca la deglutizione..pazzesco..
    oggi..anche qui…a soli 6 mesi dalla nascita del secondo figlio…ne aspetto un altro…sono felicissima..ma l altro giorno ho avuto un attacco non forte ma brutto che mi ha spaventa ed ora penso a quell attacco ogni giorno ma essendo in dolce attesa cerco di convincermi che se per anni non ho avuto nulla posso farcela anche stavolta.. e’dura dura dura ma ce la devo fare..vinco io!

  • Avatar giorambo says:

    salve a tutti,sono un ragazzo di 31 anni e leggo come prende a tutti voi l’ansia e come arriva e per me e’ tutto diverso!!!!!!! leggo anche quel che e’ l’ansia secondo psicologi(dove sono stato..) e secondo il sito. a me non arriva all’improvviso durante la giornata,oppure ha per me una data in cui e’ cominciata. ricordo solo il periodo e nn il preciso motivo. era il 2001 questo si. da li’ sara’ successa qualcosa che mi ha cambiato,ma da quel periodo io ho sto cuore che mi batte tutti i giorni condizionato dall’ansia. poi a seconda di quello che faccio e’ piu’ forte! l’ansia aumenta,aumentano i battiti,sudo,non mi CONCENTRO affatto!!!!!! se devo fare un viaggio,andare a fare una partita di calcetto se e’ un torneo,nn amichevole,se devo il giorno dopo andare a vedere una partita che mi interessa molto,un provino ecc….ma comunque anche quando devo leggere,concentrarmi,imparare. i nquesto caso magari piu’ leggera ma c’e’!!!!!!!!!! forte quando devo imparare qualcosa per un provino esame ecc……..RIPETO non mi sale all’improvviso!!!!!! comincio’ nel 2001 quando mi misi in testa di riuscire a diventare un giocatore professionista!!!!!!!! oggi soffro e’ come se ogni giorno soffrissi di “competizione”,le aspettative mi turbano,mi uccidono,ma non fare tutto quello che mi da emozioni mi ucciderebbe lo stesso. unico rimedio sarebbe questo,ma per me non ha senso vivere! quindi non posso smettere di far quello che mi piace,anche con l’ansia!!!!!! ho capito un po’ perche’ quindi e quando e’ iniziato tutto,ma ho capito che molto lo fa il dna!!!!!!!!!! sono fatto cosi’. ci devo convivere e fare tutto meno bene di quel che farei se non avessi l’ansia. praticamente non combinero’ mai nulla di buono nella vita. speriamo in una svolta! l’unica cosa che posso fare e’ cambiare vita,magari un cambiamento,tipo andare all’estero(in una isola calda)mi fara’ sparire tutto!!!!!!!!!!

  • Avatar zoe says:

    Ciao a tutti, sono Zoe e ho 21 anni! La mia prima esperienza di panico l’ho avuta a 15 anni! all’ora frequentavo il liceo classico, mi fiondai cosi voracemente negli studi che dopo il primo quadrimestre ebbi crisi di panico cosi intense da non permettermi di mettere piede a scuola per un mese, e per quanto ci abbia provato non ci riuscii..mi convinsi che il mio problema fosse quella scuola e cambiai indirizzo, e dopo poco incontrai un ragazzo, e questo mi permise di focalizzare tutta me stessa su altro e smisi di soffrire in tempi relativamente brevi! è andato tutto liscio fino a un anno fa! ora sono all’università, studio medicina, che per me è come un sogno che si realizza ma fino ad ora non sono riuscita a godermi nemmeno un momento! un anno fa addirittura decisi di lasciare, con la morte nel cuore, anche se i miei genitori mi hanno guidata a non farlo! ho iniziato un percorso dallo psicologo dal momento che dovetti riconoscere che la mia non è stata l’infanzia più serena del mondo! ma dopo diversi mesi di terapia non ottenni altro che un cumulo di passato e ancora tanta paura per il futuro! cosi al limite della disperazione andai da uno psichiatra, che mi prescisse una cura con cipralex ed ansiolitici! fu la cosa più difficile per me, ma era anche la mia unica possibilità, cosi iniziai la terapia, come ancora oggi! le cose sono migliorate perchè sono tornata alla mia routine e ai miei impegni accademici, ma non sono state poche le situazioni in cui ho studiato per mesi per poi non presentarmi agli appelli! riconosco che il problema è sempre li che insiste su di me, e voglio provare a ricominciare con un nuovo terapeuta! non voglio credere che ci sono cure per cosi tante cose, e non esserci nulla per persone come noi che ogni giorno sono costrette a combattere contro questo peso affiggente! io mi rifiuto di crederci, perchè altrimenti non avrei più nessuna speranza a cui aggrapparmi! ed io ne ho bisogno, altrimenti so che la strada più breve e semplice per me sarebbe quella della fuga, e so anche che quello che avrei sarebbe una vita triste e piena di rimpianti! Ho letto che molte persone trovano “sollievo” nel leggere le vostre esperienze, e devo ammettere che per me non è cosi! mi fa solo pensare che ci sono milioni di persone nel mondo che soffrono di questo male senza sapere concretamente come affrontarlo, solo a causa di un pregiudizio vecchio come il mondo secondo cui ansia, depressione e panico non possono essere considerate delle patologie! e migliaia di noi si nascondono dietro schermi, dietro esperienze e nella maggior parte dei casi se ne vergognano, me per prima! quando invece avremmo il diritto come tutti di essere aiutati! io per prima credo di poter impazzire a volte, perchè sento di non avere controllo sulla mia vita ed ho solo 21 anni, ma non ho altri mezzi che cercare di cavarmela da sola come meglio credo! è vero nessuno di noi è realmente solo, ma quando il panico e la paura sopraggiungono è cosi ed è difficile ammetterlo per tutti! è triste affrontare questi momenti perchè mi sconvolgono la vita! lo so che probabilmente il mio messaggio esprime poca speranza e molta rabbia, ma è quello che avverto in questo momento! So razionalmente che sono situazioni che si affrontano e momenti che passano, ma so anche che ci condizionano la vita come poche malattie al mondo fanno davvero! ed è qualcosa che noi crediamo di poter attribuire solo al nostro cervello e al nostro modo sbagliato di approcciare con la realtà che ci circonda, schiavi delle aspettative e di un mondo che a tratti è profondamente spaventoso! questo non è un mal di pancia o una gamba rotta, qualcosa di “altro da noi” è qualcosa che io e noi tutti proviamo, ed io stessa nutro senti di colpa verso di me o verso i miei genitori, perchè ogni volta ho l sensazione che solo io posso sbarazzarmi di questo problema e solo lo scateno! convivere con tutto questo ci porta davvero a perdere la testa, ed essere forti è il mezzo migliore! stringere i denti e provare finché ne abbiamo la forza!

  • Avatar Ros says:

    Ciao a tutti ! Io lotto contro ansia e attacchi di panico da molti anni forse troppi ma finora ho sempre vissuto la vita a pieno senza privarmi di nulla perché sono stata in grado di combatterla e ho sempre vinto io grazie anche all aiuto di famiglia e amici . Ma da un po di mesi nonostante io abbia un marito e figlio meraviglioso il panico Mi sta divorando perché i sintomi sono più forti e devastanti . Sono anche ipocondriaca quindi vi lascio immaginare …mi Prende il respiro mi sento soffocare e ho rischiato due volte di chiamare i soccorsi ,ho paura a stare sola con il bimbo in casa perché se mi sento male ho paura per lui che resterebbe” solo “, sto in cura da uno psicologo che mi dice che oltre la valeriana non devo prendere e sono pienamente d accordo con lui ma ho paura perché non mi sento più le stessa e non sono più felice perché vivo ogni giorno solo per combatterla . Ora ho deciso d fare dei controlli per togliermi almeno la paura di avere qualche malattia ,ma quella sensazione tornerà e che faccio ?! Qualcuno puo aiutarmi ? Non ne posso più !!!!

  • Avatar Claudia says:

    Ciao a tutti, sono Claudia e ho 19 anni.. l’anno scorso ad Aprile ho sofferto di attacchi di ansia.. pensavo di non riuscire a trattenermi e di farmi la pipì addosso.. iniziava così la tachicardia e le fisse mentali.. mi immaginavo proprio quella scena davanti a tutti e l’umiliazione che ne seguiva. Mi succedeva soprattutto sui mezzi pubblici o in luoghi affollati.. dopo circa 2/3 settimane l’ansia è scomparsa del tutto ma adesso si è ripresentata.. qualcuno mi saprebbe spiegare da cosa può derivare e come liberarmene defindefinitivamente??

    • Avatar ambra says:

      Ciao…ma è successo qualcosa che ti collegaa questo pensiero? ad esempio a me è successo il primo attacco d’ansia al supermercato ed ho sentito una forte nausea talmente forte che avevo paura di dover vomitare…son 4 mesi che ho questa paura e finora non mi è mai successo di vomitare 😀
      E’ solo che ho preso talmente paura che ora la sto vivendo male questa cosa…per questo ti chiedevo se ti stai portando dietro le paure di un episodio che ti è capitato..

  • Avatar Silvia says:

    Sono silvia,
    ho 24 anni ed è quasi un anno e mezzo che soffro di forti attacchi di ansia.
    Sono un un vero macigno questi attacchi, mi provoca anche reflusso e gastrite questa maledettissima ansia, mi ha portato a fare anche visita cardiologica con eco-doppler.
    Gli attacchi ogni volta che si sono presentato, sempre di notte, sono stati un vero e proprio incubo, tachicardia che ti sveglia, sudore a freddo, dolori intercostali, braccia e senso di svenimento.
    Ho anche iniziato un percorso psicologico, visto che somatizzo molto a livello di corpo e diventa un vero e proprio disagio affrontare la quotidianità con questi fastidi.
    Ora fra 15 giorni dovrò anche affrontare un intervento al ginocchio e fa quando ho saputo la data, la mia ansia si è triplicata, mi ha fatto comparire dolori al torace, alle spalle, respiro corto e fastidioso. E’ una vera ossessione, certo di distrarmi e stare serena, ma lei e sempre li e non va via.

  • Avatar mina says:

    mi sente dopo sono arrivata a 22 anni questo mi sento questo peso addosso che mi fa sentire debole

  • Avatar Anita says:

    Ciao.. mi chiamo Anita e ho 18 anni…io e il mio ragazzo ci siamo lasciati…lui non se la sentiva più di stare con me per diversi motivi. Sono stata insieme a lui 2 anni e mezzo … è anche il mio compagno di scuola… ecco adesso io non riesco a superare questo.. ho ansia … palpitazioni forti… non riesco più a mangiare… sto davvero male… tutti mi dicono che non devo pensarci… ma è inevitabile…anche se ho solo 18 anni e una vita davanti non riesco a convivere con questa ansia…ripenso continuamente a lui.. ho davvero bisogno di aiuto.. qualche consiglio?

    • Avatar Nunzia says:

      Ciao sono Nunzia e sono 3 anni che soffro di attacchi di panico.é una cosa bruttissima sopratutto quando esco con i miei amici perche non so come comportarmi.. Ti senti sola e nessuno capisce davveroche hai..
      Leggendo questo articoloo mi aiuta a capire davvero che non sono l’unica chesoffre di questi attacchi di panico…

  • Avatar Walter says:

    Salve a tutti. Ho 42 anni e da circa sette anni convivo con l’ansia e il panico. I miei sintomi sono sono gli stessi da voi raccontati. Inizialmente rifiutavo che potessi avere difficoltà di origine psicologica, quindi focalizzavo molto sulla presenza di un problema fisico. Ho iniziato con un approccio psicoterapeutico di matrice psicoanalitico, attualmente sono in terapia con una terapeuta cognitivo comportamentale. Nel mio viaggio all’interno di me, ho riscoperto una grande energia, a cui attingere in ogni attimo della giornata e in particolar modo nei momenti in cui l’ansia si ripresenta, sia per un problema legato al lavoro, alle relazioni personali, a qualche problema irrisolto o evitato della mia vita. La grande energia a cui attingo, mi viene proprio dalla meditazione e dall’osservazione della Natura, una osservazione che proviene dagli occhi del cuore, privi di idee e pregiudizi. Imparare a sentire veramente, questo è il mio modo di fronteggiare l’ansia. Come anche la Natura insegna, le cose non sempre vanno come vogliamo, accettare ciò che accade è un grande passo non solo per accogliere e accettare l’ansia, ma per raggiungere la felicità. Potrei farvi decine di esempi sul come questa nuova consapevolezza riesca ad aiutarmi ad affrontare l’ansia, ma non voglio apparirvi prolisso!!! Un saluto a voi tutti…..è ricordate che non SIAMO MAI VERAMENTE SOLI.

  • Avatar Nicola says:

    Io quando son preda dell ‘ansia e ne ho la possibilità cerco di confondere i sintomi somatici dell’ ansia con gli stessi sintomi fisiologici. Tachicardia, sudorazione e fame d’aria. bene , un bello sforzo fisico fa venire fisiologicamente gli stessi sintomi e cerco di confonderli. A volte funziona anche se non si può applicare sempre

  • Avatar Simona says:

    Ciao,
    Io soffro d’ansia e angoscia dall’età di 12 anni circa, quando non conosco le situazioni e non mi sento al sicuro provo delle sensazioni molto spiacevoli e la voglia di fuga. Ho fatto psicoterapia ma non è servito a molto.. Mi condiziona troppo nella vita, ho lasciato anche la scuola infermieri perché avevo l’ansia molto forte durante lo stage in ospedale e non riuscivo ad andare avanti. Non è giusto..
    Grazie un abbraccio

  • Avatar Enrico says:

    Ciao mi chiamo Enrico e da due anni ho problemi con l ansia correlati tutto da vari problemi. Ho fatto delle cure massaggi e ho praticato la corsa e ho avuto risultati ottimi. Mo da quando ho perso lavoro e ho trascurato la corsa sto avendo di nuovo i stessi problemi del tipo a volte mi sento ansioso anche se non ce nulla da preoccuparsi oppure prima di andare in qualche posto mi faccio un sacco di pensieri ma la cosa che mi turba di più e che non riesco a correre normalmente ma devo camminare veloce perché se no si induriscono le gambe e il giorno successIvo mi sento male .

  • Avatar fabio says:

    ciao a tutti io soffro di ansia da molti anni ,dei giorni non cessa mai la sento in ogni muscolo ,ogni cellula mi toglie il 50% di energia , non riesco a concentrarmi ,e ogni volta credo di non farcela , ho’ provato di tutto dall omeopatia allo yoga ,meditazione e anche psicofarmaci ,psicologo e chi più ne ha piu’ ne metta ,finalmente da diverso tempo a forza di sperimentare nuove strategie , ne ho’ trovata una che almeno per me funziona spero che sia di aiuto anche a qualcun altro ,di solito l’ ansia non è cosi’ pericolosa e insopportabile ,ma lo diventa dal momento che noi ne abbiamo paura e quel 50% di energia che ci rimane lo impieghiamo per combatterla perché vorremmo svolgere le nostre attivita’ indisturbati , se adesso sento di essere posseduto dall ansia ,non cerco più di combatterla o di sfuggire con la mente pensando a qualcosaltro ,no dedico tutto il tempo a lei ,dico a me stesso ok adesso guardiamo il film , mi siedo e mi sdraio chiudo gli occhi e guardo attentamente cosa succede ascolto l’ ansia che mi aggredisce mi lascio violentare mi lascio uccidere ascolto tutte le sensazioni e osservo nella mente cosa scorre ,posso assicurare che tutto il malessere si trasforma in qualcosa di piacevole , ha volte provo sensi di infinita gioia nel plesso solare ,in fondo ho’ capito che se diamo importanza a cio’ che c’è a prescindere da cosa sia e non scegliere di fare qualcosa di diverso nulla è brutto ,inoltre credo che quella parte di noi che non vogliamo guardare usa l’ ansia per essere considerata ,. grazie a tutti fabio

  • Avatar laura says:

    come si fa a superare invece l’ansia dovuta a problemi fisici? molto probabilmente mi hanno detto che potrei avere problemi al cuore perché ultimamente sto avendo tachicardie continue, extrasistoli, ecc. non sono capace di gestire questa situazione e ogni dolore anche se magari non è legato al cuore mi fa cadere in uno stato ansioso. come si fa a superare questa cosa?

  • Avatar Franco says:

    Da qualche anno ho paura di andare a lavoro quando piove forte. Ho paura che mi succede qualcosa. cerco sempre di portare qualcuno con me. Mi viene l’ansia quando sono in ufficio e comincia a piovere. avete qualche esercizio da consigliarmi da fare per superare questo grande ostacolo?

    • Avatar Elisa says:

      Ciao Franco, mi sento di darti questo consiglio poiché una mia carissima amica aveva lo stesso problema e ha risolto la cosa pensando positivo e tutte le volte che saliva in macchina si immaginava di essere avvolta da una bolla magica e che questa le garantiva di essere al sicuro… ogni qual volta aveva paura di guidare la bolla magica la avvolgeva!!!
      Provaci e riprovaci … vedrai che funziona!!!
      In bocca al lupo

  • Avatar Daniele says:

    Mi chiamo Daniele e ho 40 anni,da quando ne ho memoria ho sempre avuto problemi relativi l’autostima associati a fenomeni depressivi di non lunga durata e forti stati d’ansia.Nel corso della mia vita per evitare di incorrere in problemi non ho fatto altro che aggirare gli ostacoli non cimentandomi mai in nessuna sfida o tentativo di miglioramento sia esso correlato alla sfera lavorativa che sentimentale.Fintanto che riesco a tenere le cose su di un piano separato e distante l’ansia non si presenta,riesco ad avere una modesta vita sociale,a fare attività fisica volta anche a scaricare la tensione e accettare le mansioni assai poco complesse che mi vengono assegnate sul posto di lavoro.Nel momento in cui i legami si fanno più stretti ed empatici,per me è il caos più totale,si scatena una vera guerra tra ragione,razionalità e sentimenti che per me sono sempre stati di difficile gestione.L’unica cosa che desidero è la fuga,il mio corpo e la mia mente mandano messaggi di allerta in continuazione,col risultato che interrompo nettamente le relazioni e sparisco dando poche spiegazioni in merito.Questo per ciò che riguarda i rapporti interpersonali a sommi capi;sul piano lavorativo qualsiasi cosa comporti per me una fuoriuscita dalla normale routine quotidiana mi paralizza letteralmente,impedendomi di riuscire a svolgere ciò che mi viene demandato.Dall’ultimo disastro relazionale\affettivo in ordine di tempo ad oggi sono in cura da uno specialista che oltretutto mi ha anche prescritto il Tavor Oro da assumere prima che si manifestino eventi disastrosi.Nonostante a quest’età mi renda perfettamente conto che avrei dovuto affrontare la cosa almeno 20 anni fa,voglio almeno arrivare a comprendere come sia possibile che in talune circostanze io mi senta perfettamente rilassato e in altre il mio sistema e le mie poche convinzioni vadano in pezzi.

    • Ciao Daniele, grazie per aver condiviso con noi la tua storia.

      Prova a chiederti quali risorse emotive, interne ed esterne hanno in comune le situazioni in cui ti senti completamente rilassato e dopo averle trovate guarda come puoi applicarle alle altre situazioni.

      Uscire dalla propria zona di comfort fa sempre paura e l’unico modo per vincere la paura è fare piccoli passi fuori da essa. Un po’ per volta.

      Facci sapere come procede il tuo percorso 🙂
      Un abbraccio di luce

  • Avatar giulia 75 says:

    A me nei momenti in cui mi assale l’ansia mi aiuta fermarmi un attimo e pensare alla situazione in cui vorrei trovarmi in quel momento

  • Avatar Alessandra says:

    Salve a tutti.
    Leggere questi commenti mi fa sentire meno sola e mi fa pensare a quanto tutti noi siamo così diversi ma sotto sotto così simili.
    Soffro di attacchi di panico da circa 4/5 anni.
    Inizialmente erano degli episodi occasionali ai quali non davo neanche tanto peso,ma poi qualcosa è cambiato, hanno cominciato a farmi visita sempre con maggiore frequenza e a buttarmi totalmente nel baratro senza vedere alcuna via d’uscita.
    Per quanto una cura con degli psicofarmaci possa essere utile non credo che risolva il problema di base che ci portiamo dentro…ormai da anni!
    Attualmente sono in cura da uno psicoterapeuta che ,con tanta pazienza e competenza, sta facendomi scoprire piano piano tante cose del mio carattere che inconsciamente sapevo ma che non accettavo.
    Gli attacchi d’ansia o di panico sono forse i più brutti dei campanelli d’allarme…sudorazione fredda, tremori, sensazione di soffocamento, tachicardia, abbassamento della vista, giramenti di testa, sensazione di sbandamento, vertigini, poca salivazione e paura che ti stia capitando il più drammatico degli eventi…un infarto!
    Ma non è così.
    Noi, che ci troviamo tutti sulla stessa barca, non dobbiamo sottovalutare la forza di volontà e il lato caratteriale combattivo che ci accomuna.
    Non c’è un tempo preciso per far accomodare nella nostra vita questi signori che ogni tanto vengono a farci visita…visita da noi non gradita, ma possiamo diminuire la loro presenza se impariamo a contrastarli e a far capire loro che non sempre sono i benvenuti.
    Ringrazio questo forum perché, mentre ero preda di un inizio di attacco di panico, ho preso il telefono ed ho cercato su Internet e mi siete usciti tutti voi che abbraccio, anche se solo virtualmente, e vi chiedo di non mollare perché NOI siamo più FORTI di loro e, qualora volessero tornare a farci visita, ascoltiamoli e facciamoli andare via con un bel sorriso.
    Guardiamoci dentro, impegnamoci, ridiamo di più, siamo più gentili con il prossimo perché, probabilmente, sta combattendo la stessa battaglia che combattiamo noi tutti i giorni.
    Alessandra.

    • Avatar Lauretta says:

      Ciao Alessandra, rispondo a te come simbolo in risposta ai tanti post in questa pagina perché è incredibile come mi rispecchi nella descrizione che hai fatto! Mi consola leggere di tante persone che come me combattono questo malessere…io ci sto combattendo da 3 anni ormai ma le prime crisi e i primi attacchi di panico sono arrivati molto prima poi sono diventate situazioni costanti ed è lì che ti accorgi che non puoi più ignorare quei segnali. Questo è uno dei periodi bui ed è per questo che ho deciso di cercare in internet qualcosa che mi aiuti ad andare avanti ora e spero a sconfiggere questa cosa che con tutta me stessa voglio battere per me stessa ma anche per chi mi sta vicino che mi vede soffrire e si sente impotente davanti a una cosa così astratta e reale allo stesso tempo. Spero che confrontarmi con chi come me ci è passato possa essermi d’aiuto.

    • Avatar Ros says:

      Ragazze secondo me l Unione fa la forza ! Ho scritto la mia esperienza in alto ROS sono io , il mio indirizzo posta è rosselladimy@hotmail.it. A presto e in bocca a lupo e speriamo crepi l ansia!!!

  • Avatar stefy says:

    Ciao sono stefy e ho 33 anni una vita di coppia bella fino a quando proviamo ad avere figli e nn arrivano ..tante prove e speranze … e così scoppia la mia ansia perché tutte le donne intorno a me sono incinte. .cosa devo fare? Mi casca il mondo addosso così oltre alle tachicardie. .mi sento un peso sulla schiena e stomaco..come posso alleviare questi disturbi con rimedi naturali? Grazie

  • Avatar se says:

    Non riesco esattamente dire cosa mi succede da un paio di anni a questa parte o quest ansia che nn se ne vuole andare! Mi succede tutte le volte che sono fuori casa inizia a mancarmi l aria nausea non riesco a controllarmi devo andare x forza di corpo e mi ritiro un poco con le uscite visto che le mie amiche fidate lo sapevano mi ero tranquillizzata xke sapevo con chi uscivo e sapevo che potevo fare affidamento su di loro ora ho il problema che non posso più dormire mangiare da cugini parenti soprattutto dalla famiglia del mio fidanzato xke entro nel panico mi inizia la nausea mi tiro indietro e non ci vado xke ho paura di vomitare o se poi devo andare di corpo e un Baratro Non voglio più andare neanke a lavoro ho 22 anni voglio stare bene!!

  • Salve ho 19 anni sonp 3 mesi k soffro d’ ansia..iniziò quando stavo leggendo un libro mi sentii come un vuoto allo stomaco, come se stessi sprofondando..e associai ciò al mioragazzo sono consapevole che con lui sto bene ma quando penso a noi mi sale l ansia avevo pensato di lasciarlo e l ho fatto ma sono subito rotornata da lui..non voglip lasciarlo assolutamente siamo una sola cosa lui mi sta vicino ed è unico ma all improvviso mi sale l ansia e non voglio.vederlo , penso di non amarlo e voglip stare sola..ma questa mia situazione sta rovinando il nostro rapporto non solo quotidiano ma anche sessuale e in più non riesco a concentrarmi neanche a scuola..voglio risolvere tutto questo al più presto sono disperata!

  • Avatar sara says:

    Ciao mi chiamo sara e ho un problema causato dall’ansia..ormai da 4-5 anni e a,causa di ciò soffro molto, mi chiedo ,perché non posso essere come gli altri? Quando devo leggere ad alta voce non mi escono le parole di bocca ,il mio cuore inizia a battere all’impazzata e comincio a balbettare..mi succede sempre a scuola e ho paura che gli altri pensino che io non sappia leggere ma non è così .io non ce la faccio più vorrei leggere in modo scorrevole e stare più tranquilla ma non ci riesco! La prego mi può dare dei consigli?

  • Avatar pamela says:

    l’ansia mi causa dei problemi..non riesco a leggere ad alta voce in classe,ho paura di essere giudicata dai mie compagni.Appena la professoressa pronuncia la parola leggere mi sento il cuore uscire dal petto.. a mente riesco a leggere ma a voce alta proprio non riesco,sono disperata non so che fare aiuto!

  • Avatar Vincenzo says:

    Salve
    Oggi mi e` capitato di leggere in chiesa una preghiera .
    Mentre leggevo sentivo tachicardia, nodo in gola, difficolta` nel respirare e nel deglutire la saliva. Potete darmi dei rimedi ? Vi prego di rispondere il piu` presto possibile.

    • Ciao Vincenzo,
      in quel preciso momento concentrati semplicemente sul tuo respiro, non importa se non è il solito respiro profondo, porta tutta la tua attenzione all’aria che entra ed espira lentamente dalla bocca.
      In questo modo induci una sensazione di rilassamento in tutto il corpo e i sintomi che hai provato si acquietano rapidamente.
      Sono solo sintomi di stress dovuti a pensieri ed emozioni negativi dentro di te e la respirazione ti aiuterà a lasciarli andare.
      Facci sapere, un abbraccio di luce.

  • Avatar Annalisa says:

    Ciao a tutti!
    Ho letto quasi tutti i commenti e mi ritrovo pienamente in ognuno di questi! L’ansia è entrata nella mia vita a pochi mesi dal matrimonio. Giramenti di testa, nodo alla gola, soffocamento, morsa allo stomaco, sbandamento (che ancora adesso ho). Paura di morire, di avere una brutta malattia..mi sono sottoposta a tutte le analisi possibili (tiroide, vestibolare, cervicale, oculista) niente di niente. Così sono andata dalla psicoterapeuta che ha iniziato a somministrarmi degli integratori, purtroppo dopo un mese questi non facevano effetto sui sintomi e ho chiesto stesso io di farmi prescrivere, in seguito a due attacchi di panico, una terapia farmacologica. Cipralex ed EN. Dopo un mesetto sono stata meglio con i sintomi e oggi ho solo un leggero stato ansioso con piccoli sbandamenti. So di non esserne ancora uscita, che il mio controllo dell’ansia è indotto dalla medicina ma credetemi inizialmente non uscivo più di casa. Avevo paura di tutto e di tutti. Chiunque e qualsiasi cosa poteva essere la causa scatenante di un nuovo attacco di panico che mi ha terrorizzata. Avevo tutti i nervi del corpo contratti, tremavo come se avessi le convulsioni, non controllavo il mio corpo e sentivo di morire. Esperienze che non auguro a nessuno davvero. Dopo un periodo di depressione, di paura di non farcela, di chiusura in me stessa, finalmente esolo dopo 5 mesi sto reagendo. Sto iniziando ad ascoltarmi, parlo ad alta voce con me stessa, non faccio più quello che non mi va di fare, faccio terapia e mi tranquillizzo. Esco da sola, vado a fare la spesa da sola, sto iniziando a correre per aumentare la serotonina e ho deciso insieme alla dott.ssa di iniziare ad eliminare le EN mentre per il Cipralex ci vuole ancora un pò di tempo.
    E’ difficile,molto ma basta davvero poco. Sembra un controsenso ma è così, sembra di dover superare un muro titanico e invece non c’è cosa più semplice che darsi forza da soli e credere ogni giorno di potercela fare! Io sono ancora in terapia, prendo ancora farmaci e non mi scoraggio. Ho un obbiettivo, quello di togliere sta medicina e farcela da sola ed avere dei figli! Ho sofferto tanto e ho paura che togliendo tutto ritorno in quel buio ma basta cancellare questi pensieri negativi e già si sta meglio. Ecco, in questo senso basta davvero poco.
    Forza siamo tutti sulla stessa spiaggia e tutti ce la faremo!
    Vi abbraccio forte forte e vi dico quello che mi è stato detto mentre piangevo: dalle lacrime del dolore si raccoglie felicità!

  • Avatar Lara says:

    Ieri in pausa pranzo attacco d ansia sono andata a lavoro e avrei pagato oro per andarmene a casa e buttarmi sul letto ad aspettare che passasse mi ero prese 15 gocce di ansiolitico, poi mi sono concentrata nel lavoro ed è passato, ma è tremendo ti sembra di morire, non so come fare, gli attacchi sono improvvisi ed apparentemente senza motivo, ho fatto 10 anni di psicoterapia e sono ancora al punto di partenza…..qualche consiglio per uscirne fuori? La cosa che più mi fa rabbia e’ che non capisco il motivo anche se ho molti problemi che però affrontò con lucidità ed in quei momenti posso solo chiudere gli occhi ed aspettare che passi…..

    • Ciao Lara,
      concentrarsi su altro è sicuramente un modo per diminuire l’attenzione sui sintomi fisici che senti arrivare.
      Hai provato a creare l’abitudine di prenderti dieci minuti appena senti che i sintomi dell’ansia sono alle porte per rilassare la mente e il corpo?
      Ansia e rilassamento non possono coesistere come emozioni e nel momento in cui ti focalizzi su una delle due l’altra scompare.
      Puoi scaricare la traccia per facilitare il rilassamento a http://omnama.it/meditazione-omweek .
      Facci sapere come va! Un abbraccio di luce

  • Avatar andrea says:

    Cercate di andare a fondo, capire quale sia il vostro problema, è difficile, quasi impossibile, ma NON impossibile, forse talvolta non esiste nemmeno un reale problema, ed è proprio lì che dovete reagire; se ho un problema che mi dà ansia devo cercare di risolverlo per scacciarla, se non ho un problema, devo capire che è tutta una mia pip** mentale e che reagire positivamente è la via d’uscita::fate sport, dedicatevi ai vostri hobby e pensate che le cose brutte sono altre; e che tutto ciò potrà solo rafforzarci e renderci maturi; sto piangendo mentre scrivo queste parole perchè capisco la vostra sofferenza;;;;; forza ragazzi TUTTO PASSA

    • Grazie mille Andrea per aver condiviso la tua storia e l’enorme coraggio che hai avuto nell’affrontare questa esperienza!
      Ti auguro una vita meravigliosa, un abbraccio di luce.

  • Avatar andrea says:

    Ciao ragazzi, sono Andrea, ho 27 anni e da circa 2 mesi soffro di attacchi di panico e ansia; sporadicamente ne ho avuti in passato ma tutti dovuti al mio stile di vita troppo fuori dalle regole;ora la mia vita è tranquilla, è proprio questo che mi spaventava e mi spaventa ; da 5 anni ho cambiato vita completamente; sono fidanzato con una ragazza speciale, tenera, dolce , ho un buon lavoro, e la mia famiglia mi ha sempre fatto stare abbastanza bene quindi in teoria pensavo nulla potesse scalfire la mia vita “perfetta”; in vacanza questo luglio, ho avuto la prima esperienza al mare quando ho avuto un giramento di testa con (pensavo io) relativo abbassamento di pressione, una crisi di panico enorme che mi sono portato per svariati giorni; pensavo fosse dovuto al sole, alla fatica del viaggio etc: ma sono riuscito a capire dopo vari pianti, voglia di vivere pari allo zero, crisi di nervi, paure di diventare pazzo e anche “purtroppo” paura di farla finita; che mi sono stressato durante la mia vita di coppia; pensando a tutto quello che di sbagliato potessi avere nel mio “IO” personale pensando al mio rapporto di coppia ho cominciato a piangere di brutto e ho capito che è questa la relazione con il mio stress ; io durante il mio rapporto mi sono annullato completamente, ho dato tutto a lei e ho trascurato completamente i miei piaceri, andare a ballare, andare in giro con gli amici, prendersi un giorno solo per se e fare le proprie cose; eravamo entrati in simbiosi e non avevo modo di sfogare i miei piaceri;sembra stupido ragazzi ma ero dipendente da questa persona (esiste la dipendenza affettiva come disturbo medico) anche se lei non mi ha mai chiesto tutto ciò; ho deciso di troncare la relazione (certo è diffiicile e piango ogni giorno) ma sento che le mie ansie stanno svanendo; ho annullato me stesso e accumulato tutto senza uno sfogo reale per paura di farla stare male e trascurarla senza avere delle regole stavo tutti i giorni con lei e attendevo un cambiamento che in realtà non poteva esserci, ero come un leone in gabbia; ogni tanto mi tornano brutti pensieri, e mi sento molto giù ma è una normale pena d’amore alla quale non do proprio importanza; parlatene con un genitore, con un amico che reputate valido ed in grado di aiutarvi o parlatene con uno psicoterapeuta, non abbiate paura, non vergognatevi, ne soffre moltissima gente e nulla può scalfire il vostro essere; anzi tutto può scalfirlo ma voi siete più forti di tutto e arrendersi è da vigliacchi, anche quando pensate di non farcela, piangete, sfogatevi e pensate che nulla può accadere…. in bocca al lupo ragazzi….LA VITA E’ UN PASSAGGIO BREVE, CERCHIAMO DI GODERCELA AL MASSIMO …VIA TUTTI I PENSIERI NEGATIVI…

  • Avatar Francesca says:

    Buonasera, mi chiamo Francesca e ho 33 anni. Sono sposata da 4 anni e ho un figlio di quasi tre anni. Anche io come voi vivo da circa 1 anno uno stato di perenne ansia. Tutto ha avuto inizio a causa di un mobbing sul luogo di lavoro subito che mi ha portato ad avere attacchi di panico . Non guidavo più, come entravo in ufficio piangevo, ero dimagrita fino ad arrivare a 42 kg, tachicardia , respiravo a fatica , in parole povere pensavo di avere un problema di salute che di li a poco mi avrebbe condotta alla morte. Analisi cliniche , visite cardiologiche niente mi confermava quello che era il mio pensiero. L’ultima spiaggia lo psicologo e di li la cura per l’ansia e da depressione. Ragazzi io però quella cura non l’Ho mai iniziata e lo stimolo nel superare il problema l’ho avuto guardando mio figlio e la mia famiglia . Mio figlio aveva bisogno di me e avendo mio marito disoccupato dovevo trovare necessariamente la forza di reagire, lo dovevo fare per la mia famiglia. Oggi dopo quasi un anno non ho più attacchi di panico ma ogni giorno, in certi momenti l’ansia mi assale senza motivo. Io personalmente parlo a me stessa e cerco di auto convincermi che sono io la padrona della mia mente è qualunque cosa se ne voglia impossessare non mi appartiene e devo scacciarla.

    • Ciao Francesca,
      grazie per aver condiviso la tua storia con noi.

      Cambiare il modo in cui parliamo a noi stessi è uno dei modi più potenti per uscire dalla spirale di ansia e tristezza che ci assale e spesso sono proprio le persone che amiamo di più a darci la forza necessaria per farlo!

      Un abbraccio di luce

  • Avatar irene says:

    Sono d’accordo con te Silvia su molti aspetti:
    1) accettare l’ansia: è un passo fondamentale accettare che si è in uno stato di ansia e l’ansia stessa per comprenderne meglio il significato.
    2) questo punto è il punto di trasformazione ma credo necessiti di qualche chiarimento in più: infatti per osservare l’ansia come qualcosa che entra in noi e non che siamo noi l’ansia bisogna fare la premessa che ogni emozione che avvertiamo non ha a che vedere con la nostra personalità, identità ecc… ma ogni emozione che viviamo è generata da un sistema inconscio di credenze nella quale diamo ad un esperienza o situazione un particolare significato. l’ansia non è altro che il significato che si da ad una situazione nella quale pensiamo di essere in qualsiasi modo in pericolo.

    Detto questo gli altri passi che hai descritto vanno bene come pronto soccorso immediato per l’ansia e penso che sia l’obbiettivo che sta dietro questo bell’articolo. Ma in questo modo l’ansia non viene ancora risolta!
    Infatti per risolverla definitivamente è necessario andare a trasformare a livello inconscio il sistema di credenze che è radice nel generare l’ansia.
    a questo proposito è utile il contenuto gratuito nella quale guido a trovare le credenze inconsce che potete trovare a questo link:

    http://reikiom.it/liberi-ansia/f1/omaggio-liberi.html

    un grande abbraccio a tutti i lettori di omnama.it il sito è veramente ben fatto! complimenti!

    tanta Luce

    Irene

    • Ciao Irene 🙂

      Grazie del tuo contributo.

      Hai ragione, è fondamentale lavorare anche sul sistema di credenze inconsce, è proprio qui infatti che affondano le radici la maggior parte dei disagi.

      L’articolo infatti ruota maggiormente attorno al tema della gestione degli attacchi d’ansia.

      Un abbraccio di luce 🙂

  • Avatar Erika says:

    Salve Ho 35 snni e soffro d ansia da bambina.ho una figlia di 4 anni è un marito fortunatamente che lavora.non mi manca nulla. Ma appena sento che sta male qualcuno o muore vado in panico.mi viene l ansia un mese fa è morto mio zio non vado ai funerali perché gia so che sto male.come posso fare x sconfiggerla? Vorrei essere forte su ste cose invece sono fragile. Prendo tutti calmanti naturali tipo passiflora valeriana camomilla bianco spino.ma sto sempre uguale. Mi da qualche consiglio? Grazie

    • Ciao Erika. Credo che solo un esperto qualificato possa darti gli strumenti ottimali per uscire da questa situazione.
      Ma nel frattempo, questo è quello che ti suggerisco:

      1.Leggi il libro di Osho, intitolato:” La Paura: Comprenderla e Dissolverla – L’′arte di restare centrati nelle tempeste della vita.”Include anche una splendida meditazione pratica 🙂

      2.Cerca di stare il più possibile alla larga da telegionali di qualunque tipo. Se da un lato è importante mantenersi informati, dall’altro è evidente lo sbilanciamento assurdo tra notizie negative e notizie positive, con un evidente preferenza per le prime.Il che ci da una visione del mondo distorta e spesso eccessivamente catastrofica.

      3. Quando la paura ti prende, pensa al contrario. Ad esempio invece che pensare:”ho paura di ammalarmi” pensa ”Voglio stare bene”. Sembra banale ma questa iversione di prospettiva (che non altera il significato del pensiero ma lo rende positivo) ti offre un’immediata sensazione di sollievo e serenità.

      Spero di esserti stata utile.

      Una splendida giornata 🙂

  • Avatar Andrea says:

    Salve ho 29 anni,
    anche io soffro d’ansia da un anno e mezzo circa, sembra che come inizio a sentirmi meglio a controllare il tutto a periodi, d’ un tratto mi ritorna l ansia, difficolta’ di stare in gruppo, difficolta nel respirare profondamente, testa confusa e tachicardia, senso di pesantezza al petto e soprattutto non riesco a stare fermo mi viene un senso di irrequietudine pazzesco, quando sono solo molte brutte sensazioni riesco a controllarle meglio ma in gruppo con gli amici mi viene difficile.
    Ammetto che fumo,e quando bevo superalcolici tipo il sabato sera l ansia scompare del tutto e la testa ritorna serena e i pensieri anche, torna tutto alla normalita’ è molto strano. So che non andrebbe fatto ma è davvero l unica cosa che quando mi assale l ansia mi fa ritornare a stare bene.
    So che ci vorra’ pazienza e tempo per uscirne ma ce la mettero’ tutta.

    • Ciao Andrea,

      Un grande in bocca al lupo per il tuo percorso, sono certa che grazie a determinazione e costanza riuscirai a sconfiggere l’ansia anche senza ricorrere all’alcol.

      Non mollare!

      Un abbraccio di luce 🙂

  • Avatar giusy says:

    Ciao a tutti mi chiamo giusy e ho 24 anni io ho l ansia da 4 anni, all inizio era leggera ma 3 anni fa quando sn andata in vacanza cn la mia famiglia e il mio ragazzo (x la prima volta) ho passato 15 gg d inferno con attacchi di panico nn andavo al mare nn facevo passeggiate ecc… sn dovuta ricorrere per la prima volta a delle pastiglie a base di erbe che ovviamente non mi hanno aiutato x niente. Premetto che ho avuto situazioni drastiche cn il mio ragazzo non che oggi papa di mio figlio, dove ancora ho molti
    problemi. Il mio problema si concentra alla pancia vi faccio un esempio… decidiamo di andare al mare la voglia è grande ma la mia mente dice no x paura di un attaco d ansia, mi faccio forza mi metto un macchina e li anche solo dopo 10 minuti di macchina si scatena l inferno, respiro a fatica sudo freddo mi viene mal di pancia cm se dovessi andare in bagno ma purtroppo sn in strada e nn so dv andare e li diventa sempre piu forte… questo succede solo se devo andare un po piu lontano dal mio paese cioe anche mezzora da casa mia… io ho un bimbo di 2 anni e vorrei riuscire a portarlo al lago al mare in montagna in qualsiasi posto dv posso divertirsi e vedere posti nuovi ma prorpio nn so cm fare… nn mi sento bene e vorrei che andasse via quest ansia . Cm posso fare anche xche cosi rovinero l equilibrio della mia famiglia grazie

  • Avatar Valentina says:

    Buonasera, sono una ragazza di 20 anni con la passione per l’equitazione e un grosso problema nel gestire l’ansia legata alle competizioni. Purtroppo ho dei veri e propri attacchi di panico, mi sale un nervosismo incontrollabile, sbianco e cambio espressione, il tutto accompagnato da un’irrefrenabile voglia di piangere e di scappare che mi si blocca in gola. Cerco di fare come se l’ansia non ci fosse ma il cavallo percepisce questo stato d’animo e si blocca anch’esso. Per questo motivo, 3 anni fa ho deciso di abbandonare le competizioni ma ho deciso di ricominciare quest’estate. Ma tutte le volte che penso a una gara mi viene questo attacco di panico. Ho provato ad assumere camomille a volontà ma non basta. Io vorrei semplicemente arrivare a non piangere, che è la cosa che mi disturba di più, e non cercare di trasmettere all’animale questo stato d’animo. Come posso fare? Grazie mille.

  • Avatar Paola says:

    Ciao, ho 42 anni e lotto con l’ansia da quando avevo 12 anni, ma probabilmente ne ho sofferto dall’asilo.
    Ho avuto alti e bassi ed ho dovuto ricorrere anche ad antidepressivi. Ho imparato ad accettare che l’ansia era il modo che la me stessa comunicava uno stato di disagio e quindi farmi un’esame di coscienza. A volte miglioiando quello che abbiamo intorno, possiamo risolvere da soli molte preoccupazioni.
    Se questo non dovesse bastare, degli incontri con psicoterapeuti, posso essere risolutivi.
    Vi auguro di stare presto bene e di godervi tutta la bellezza della vostra vita! Forza!

    Paola

  • Avatar alexis says:

    Ciao, ho 19 anni e premetto di essere una ragazza che raramente antepone se stessa agli altri. Fino a un mese fa la mia era una vita normale: amici, ragazzo, scuola e famiglia (perno fondamentale per il mio essere). Ho cominciato a soffrire di ansia circa un mese fa quando sono quasi svenuta. Da li il mio cuore batte all’impazzata tutto il giorno, sono in uno stato perennemente teso, ho paura di svenire o sentirmi male e non voglio rimanere sola.. prima che tutto questo si presentasse ero una ragazza viva e voglio a tutti i costi tornare ad esserlo.. dall’inizio del 2014 tutto è cambiato ma pensavo di potercela fare: mia nonna (che viveva con me) è morta, ho studiato dando tutta me stessa per la maturità, ho avuto problemi di salute, ho avuto un altro lutto e gli esami della patente infine sono preoccupata per un mio ex amico che ha preso brutte strade. Ora sono qui e convivo con questa ansia che mi sta togliendo ogni speranza.. non ne parlo molto e faccio vedere che sto bene, non ho voglia di andare da uno specialista perché non voglio gravare sulla mia famiglia e perché vorrei farcela sola per tornare a sentirmi la stessa persona forte di sempre.. come posso superare questo strazio? Mi impedisce di vivere e io non ho tempo per sprecare così la mia vita.

    • Ciao Alexis,
      hai passato tante cose impegnative e intense nell’ultimo periodo che probabilmente si sono accumulate causando l’ansia che senti.
      Posso darti due consigli:

      Il primo è quello di lasciare andare le preoccupazioni su cui non hai potere di azione, ovvero quelle su cui non puoi fare. Per esempio, se puoi aiutare a livello concreto, senza che questo ti causi più ansia, il tuo amico fallo, altrimenti lascia andare.. del resto puoi forse risolvere le cose preoccupandoti?
      Per l’ansia che senti di giorno, prova a creare l’abitudine di prenderti dieci minuti appena senti che i sintomi dell’ansia sono alle porte per rilassare la mente e il corpo. Puoi chiamarla meditazione o semplicemente rilassamento e ti aiuterà a sostituire il pensiero della “paura di stare male” con il pensiero di “prenderti cura di te stesso, della tua mente e del tuo corpo”.
      Ansia e rilassamento non possono coesistere come emozioni e nel momento in cui ti focalizzi su una delle due l’altra scompare.
      Puoi scaricare la traccia per facilitare il rilassamento e e iscriverti alla “sfida” di Omweek a http://omnama.it/meditazione-omweek

      Il secondo consiglio è quello di rivolgerti ad uno psicologo della Ausl della tua città, è gratuito e credimi, sarai sempre tu a risolvere le cose da sola, semplicemente potrai avere qualche strumento in più per farlo e un punto di vista esterno.

      Ce la farai e tornerai la ragazza viva e serena che eri prima 🙂 Facci sapere come va!

      • Avatar D10 says:

        Ciao alexis, io ho la tua stessa età e una storia simile alla tua. Io amavo uscire, fare viaggi e divertirmi, ma un bel giorno improvvisamente ho cominciato a sentirmi il giramento di testa, la sensazione di svenire, la paura di rimanere sola, ma anche la paura di stare in compagnia. Ho cominciato a chiudermi in casa a non uscire più la sera e a chiudere contatti con molti miei amici. Il mio medico mi consigliò di fare una cura di psicofarmaci molto forti.. Io non ho accettato di finire così e allora ho deciso di combattare, nonostante la pura , i giramenti di testa , la sensazione di non essere nel mio corpo e l’impressione di essere vicina alla morte; ho deciso di fare tutto quello che mi faceva paura: uscire con i miei amici, andare al mare, andare lontana dalla mia città, passeggiare da sola, andare a casa delle persone, che erano tutte cose che mi mettevano una grande agitazione e mentre le facevo stavo malissimo.. ma sai cosa mi succedeva? Niente.
        Il segreto per combattere gli attacchi di panico e convincersi che non possono provocarti niente, quando ti sentirai svenire e sarai in mezzo a mille persone comincia a parlare del più e del meno e se non ti riuscirà ripetiti che è un allarme finto del tuo cervello ! La vita è troppo bella e breve per essere limitata da una patologia inesistente !!

  • Avatar Roberto says:

    Buonasera a tutti,
    Sono Roberto ho 35 anni. Soffro di ansia e panico da un paio d’anni.. La mia vita e’ cambiata e non viaggio più solo.. E’ una sensazione molto spiacevole .. Vorrei piangere ma non ci riesco più.. Non ho particolari problemi ma quest’agitazione mi prende più volte al giorno e mi fa passare tutte le fantasie positive.. E’ uno strazio .. Ho spesso timore di morire, o di stare male e non poter essere soccorso .. Più altre sensazioni spiacevoli (battito cardiaco non regolare, sibilio alle orecchie ecc). Più. Volte recato in ospedale per i sintomi avvertiti e sempre dimesso senza riscontri di malattie o altro.. Leggo gli altri commenti e mi rincuoro un po’.. Grazie dell’attenzione.. Spero di guarire e poter essere di supporto ad altri.

    • Ciao Roberto,
      l’ansia oggi è un’emozione molto comune.. e dolorosa purtroppo.
      Ti propongo un esercizio che ho scritto anche a Davide qui sotto:

      Introduci l’abitudine di prenderti dieci minuti appena senti che i sintomi dell’ansia sono alle porte per rilassare la mente e il corpo. Puoi chiamarla meditazione o semplicemente rilassamento e ti aiuterà a sostituire il pensiero della “paura di stare male” con il pensiero di “prenderti cura di te stesso, della tua mente e del tuo corpo”.
      Ansia e rilassamento non possono coesistere come emozioni e nel momento in cui ti focalizzi su una delle due l’altra scompare.
      Puoi scaricare la traccia per facilitare il rilassamento e e iscriverti alla “sfida” di Omweek a http://omnama.it/meditazione-omweek

      Ti consiglio anche di consultare un professionista della salute, come può essere uno psicologo e/o un terapeuta cognitivo-comportamentale che ti possa dare strumenti efficaci per uscire dalla spirale dell’ansia in modo definitivo.

      Fammi sapere come sta andando, noi siamo con te!

    • Avatar serena says:

      CIAO….ANCHE IO SONO DUE ANNI CHE COMBATTO QUESTA SITUAZIONE DEVASTANTE,HO LE TUE STESSE PAURE,UN OSSESSIONE….sto provando in tutti i modi ad uscirne ma per ora nessun risultato….mi sento sola, non capita….piu che altro mi vengono gli attacchi perchè sento sempre dei sintomi strani nel mio corpo e vado nel panico….cosa ci rimane da fare????

  • Avatar Davide says:

    Salve, sono un ragazzo di 27 anni e soffro di ansia da un pó di tempo,la mia ansia viene e va a periodi, però fino ad adesso non mi ha mai impedito di fare quello che più amo fare.. Da 7 anni ormai non vivo più in Italia lavoro e viaggio tanto, ma ultimamente gli attacchi di ansia sono sempre più frequenti, diciamo giornalieri, mi sveglio la mattina con la paura di avere l ansia, e così continua per tutta la giornata, svolgo tutto nella normalità, riesco a lavorare e uscire con gli amici ma l ansia è sempre presente, ho paura d sentirmi male e solo a fine giornata mi rendo conto che tutto è andato bene e che non c è motivo di stare in ansia ma non capisco perché il giorno dopo è lo stesso.. Anche se svolgo tutto nella normalità una parte del mio cervello è sempre concentrato nell ansia, tanto che a volte entro in uno stato di confusione, mal di testa, palpitazione ecc vorrei solo ritornare a vivere coi miei pensieri felici e positivi.. Grazie dell ascolto

    • Ciao Davide,
      prova ad introdurre l’abitudine di prenderti dieci minuti appena ti svegli per rilassare la mente e il corpo. Puoi chiamarla meditazione o semplicemente rilassamento e ti aiuterà a sostituire il pensiero della “paura di sentirti male” con il pensiero di “prenderti cura di te stesso, della tua mente e del tuo corpo”.
      Ansia e rilassamento non possono coesistere come emozioni e nel momento in cui ti focalizzi su una delle due l’altra scompare.
      Puoi scaricare la traccia per facilitare il rilassamento e e iscriverti alla “sfida” di Omweek a http://omnama.it/meditazione-omweek .. facci sapere come va 🙂 In bocca al lupo!

  • Avatar Ivano says:

    Buongiorno a tutti i lettori del blog: vorrei dare, se posso, una mano a chi “soffre” d’ansia. Si, “soffre” tra apici perché non è una sofferenza, ma siamo noi o la cultura moderna del “devi stare bene” che trattiamo tutte queste sensazioni come se fossero un male enorme e terribile.

    Assolutamente no: sono reazioni che SERVONO a noi per poter, invece, crescere e voler più bene a noi stessi.

    Io stesso “soffro” d’ansia, ipocondria ed altre forme di disagio, dalle quali comunque so di uscirne o per le meno comprenderle senza rientrare nell’angoscia.

    Il primo vero passo è accettare, così come scrive l’articolo: quando si accettano, il mondo e soprattutto la stessa persona cambia prospettiva. All’inizio può far paura, ma è una paura indotta dalla cultura, non dalla nostra psiche, che, per fortuna, sa qual è il meglio per la propria persona.

    Non servono straordinarie capacità di forza di volontà o chissà cosa: serve solo saper aspettare. Il tempo “guarisce” tutte le “ferite” psicologiche, TUTTE.

    Abbiate pazienza, TUTTO si risolve. Buona vita!

  • Avatar Sophie says:

    Salve, mi chiamo Sophie e soffro di attachi d ansia da circa 4 anni. Il vostro articolo aiuta un bel po a capire come fuziona e come cercare di affrontarla pero rimango in dubbio che solo esercizi di rilassimento fa andare via definitivamente quelle sensazione che ci puo mettere a disagio nella vita quotidiana. Negare l ansia la fa salire di piu da quelle che e detto pero pensare secondo me allimenta di piu la paura. Cio e, vorrei capire se il solo pensiere puo scatenare una crisi. grazie

    • Ciao Sophie,
      rilassare la mente e il corpo aiuta ad entrare in contatto con se stessi e a lasciare andare i pensieri negativi in cui a volte rimaniamo bloccati.
      Il pensiero può scatenare la crisi creando un circolo in cui, il pensiero crea l’emozione, l’emozione scatena a sua volta la reazione del corpo che a sua volta rinforza quello stesso pensiero.
      Per questo è importante coltivare pensieri positivi ed entrare in contatto col proprio sè più profondo, accettando l’ansia per poi lasciarla a poco a poco andare..
      Facci sapere come va Sophie 🙂
      Un abbraccio di luce

  • Avatar F9 says:

    Salve, sono capitata per caso in questo sito cercando dei rimedi per l’ansia e ho trovato l’articolo molto interessante. Sono una ragazza di 18 anni che sostiene ora la maturità, cercavo perciò un modo per evitare che l’ansia prenda il sopravvento (come tra l’altro è già successo) mentre sostengo degli esami per me davvero importanti.
    Preciso che studio molto, ho diverse ambizioni e il mio sguardo è sempre volto ai risutati migliori. Il problema essenziale è che quando mi trovo agli esami mi prendono veri e propri attacchi d’ansia. Questi consistono in una totale dimenticanza di tutto ciò che ho studiato, che può durare da 2 minuti a 10, in un nervoso incontrollato, un’agitazione per la quale muovo compulsivamente varie parti del corpo. Tutto ciò si risolve sempre e necessariamente con un pianto immotivato. Ecco, io vorrei solo riuscire, per ora, a non piangere, a non far percepire agli altri in che stato mi trovo e far riaffiorare alla mente ciò che ho studiato.
    Per questo motivo ho già rovinato alcuni esami e non vorrei che si ripetesse l’accaduto… C’è qualche altra soluzione che posso usare??? Grazie in anticipo!!!

    • Ciao!
      intanto in bocca al lupo per la maturità 🙂

      Un esercizio molto utile e con effetti immediati è concentrarsi sul respiro.
      Nel momento in cui ti siedi per sostenere l’esame o in qualsiasi altra situazione, chiudi gli occhi o fissa un punto sotto il tuo naso e fai un respiro profondo, di pancia.
      Porta la tua totale attenzione all’aria che entra, sentila che ti attraversa e ti riempie i polmoni ed espira, lentamente. Ancora meglio se con le labbra socchiuse.
      Fai almeno 10 respiri cosí e sentirai subito la mente rilassarsi e il corpo distendersi.
      Ultimo respirone e…non ci sarà nulla ad impedirti di svolgere il tuo esame al meglio!

    • Avatar Luigi says:

      Ciao sono luigi..complimenti per l’articolo davvero molto utile,veramente come pochi..scrivo perche anch’io soffro d’ansia e ultimamente anche di insonnia e pesantezza alle gambe causate secondo me dal troppo stress accumulato.io a differenza di molti so bene il motivo delle mie ansie e la causa è sempre la stessa,ovvero le donne.non so che fare,ogni volta che sono in dubbio per una ragazza crepo dall’ansia sto sveglio la notte ad aspettare un messaggio che poi neanche arriva..è veramente logorante..potreste darmi un consiglio per favore…

      • Ciao Luigi,
        pensa a come ti percepisci nei confronti della donna che ti piace.. inferiore? insicuro?
        Credi che sia solo lei ad avere il potere di farti stare bene? di renderti felice?
        E cosa succede davvero quando non funziona?
        Sei riuscito ad andare oltre giusto?

        Spesso sono proprio i nostri pensieri a fare tutta la differenza in questo campo.
        Come sarebbe se fosse lei ad aspettare un tuo messaggio? Se tu fossi impegnato in altre cose invece di stare sdraiato a immaginare ad occhi aperti? Magari proprio seguendo quelle passioni che ti rendono felice e pieno di te.

        Fai un cambio di prospettiva e riprenditi il potere di essere sicuro di te stesso, qualsiasi donna ti piaccia. Questa nuova energia senza nemmeno che tu te ne accorga potrebbe ribaltare completamente la situazione 😉
        Per capire meglio di cosa parlo puoi leggere questo articolo http://omnama.it/blog/crisi-di-coppia
        In bocca al lupo!

  • Avatar matteo says:

    Buonasera sono Matteo di 18 anni, da un mese circa ho attacchi d ansia fortissimi che mi sembra di impazzire, fare qualsiasi cosa in compania mi fa impazzire, mi sento che é tutto cosi superficiale che tanto i momenti felici passano e arriveranno quelli tristi, inizio a vedere ogni cosa negativa, inizio ad avere paura, sento fitte dal cuore e formicolii su tutto il corpo, non riesco piu a mangirare in compania, giocare a carte, giocare a pallone, perche mi sento chiuso da qualcosa e mi parte l agitazione la paura, di qualcosa che non comprendo, ma mi limita in tutto anche stare con la ragazza, amici prendo queste crisi d ansia che non mi permettono di essere felice e di divertirmi, vi prego aiutatemi

    • Ciao Matteo,
      quando l’ansia arriva ci crea altra ansia che scatena un circolo vizioso. Tutto nasce dai nostri pensieri e, quando sono negativi, questi scatenano una reazione emotiva e fisica che ci fa stare male.
      Ti consiglio di concentrare la tua mente sulla gratitudine e su ciò che di bello c’è ora nella tua.. questo distoglierà la tua mente dai pensieri negativi e dalla tristezza (puoi cominciare da qui http://omnama.it/blog/gratitudine)

      Per superare l’ansia prova a seguire i consigli dell’articolo e datti il tempo necessario per sedimentarli e lasciarli crescere.
      Puoi anche rivolgerti a uno specialista della salute,uno psicologo, che ti possa passare tecniche efficaci per calmare l’ansia in modo profondo e veloce.

      Facci sapere come va 🙂

  • Avatar Giuseppe says:

    Ciao sono giuseppe sto passando un brutto periodo e adesso anche l’ansia diciamo che l’ansia lo avuta da quando avevo 18 anni e iniziato che stavo andando a caricare della mercie a una 40 di km da casa e da li soprattutto il periodo estivo 2 volte mi dovevo recare in ospedale con gli anni mi pensavo di avere questi problemi grazie al caldo ma adesso ho 29 anni e da gennaio non mi sta più lasciando per un mese di fila precisamente a marzo mi sono recato in diverse strutture ospedaliere private dantomi più o meno tt lo stesso risultato ansia e stress mi è costato molto economicamente affrontare viaggi e pagamenti delle cliniche a nel novembre 2012 ho avuto la perdita tragica di 6 amici di cui una ero molto legato e nel settembre 2013 di mamma che anche con lei ero molto legato in più mi è rimasta una grande responsabilità nel gestire l’azienda che mamma aveva ereditato e portato avanti sola io adesso non so più cosa fare per combattere questo nemico L’ANSIA grazie per l’aiuto

    • Ciao Giuseppe,
      è possibile che l’ansia che stai provando sia il risultato di tanti cose stressanti che ti sono successe ultimamente. Spesso arriva nel momento in cui facciamo fatica a riconoscere,accettare ed esprimere le nostre emozioni in modo autentico a noi stessi e gli altri.

      Comincia a concederti almeno 10 minuti al giorno per stare con te stesso e le tue emozioni, anche se fanno male, respira profondamente ed espira lentamente ascoltando te stesso e accettando ciò che provi.

      La meditazione aiuta molto a calmare la mente e acquietare l’ansia nei momenti stressanti e duri della vita.

      Puoi anche cominciare a pensare a 3 cose per cui sei grato ogni giorno e a scriverle in un quaderno o sul telefono. Possono essere cose semplici, come il sole che sorge, questo ti aiuterà a spostare il focus dei tuoi pensieri su ció che di bello hai ora nella tua vita.

      Facci sapere come va 🙂 un abbraccio di luce

  • Avatar francesca says:

    ciao a tutti, mi chiamo Francesca e ho 34 anni. dal mese di aprile circa ho iniziato ad avere attacchi di ansia, non so se la causa sia dovuta al fatto che quest’anno, di colpo, ho iniziato un nuovo lavoro,sicuramente ho avvertito una forte ansia da prestazione per le nuove cose che svolgevo e la grande responsabilità. Fatto sta che mi piace molto quello che faccio, insegno alle primarie, e mi gratifica molto, la mattina mi sveglio felice ma non mancano le responsabilità come in tutti i lavori. Il prima attacco d’ansia l’ho avuto proprio in classe, ed è stata dura gestirla. Poi un altro si è verificato dopo due-tre settimane e solo nell’ultimo mese, proprio l’ultimo giorno di scuola ne ho avuto uno fortissimo,cioè due tre in un solo giorno, associato al gran caldo di quei giorni. questo episodio mi ha talmente scossa per diversi motivi, primo di trovarmi in mezzo alla gente e non saper cosa fare e come gestire la cosa, poi lo sconforto che ricapitano e non è un episodio isolato, cioè recidivo. Il medico mi ha dato lo xanax. l’ho preso poche volte, una volta quando dovevo fare un esame di un master la cui preoccupazione era più il pensiero di allontanarmi da casa e non l’esame di per sè e poi ad un primo appuntamento. Altre volte ho cercato di gestirla, l’ansia appunto, da sola. Ma poi capitano quei giorni che sono sola a casa e inizio a fare, dal nulla, pensieri strani e il mio cuore va in tilt con ii polmoni sembrano non contenere tutta l’aria di cui ho bisogno.Mi demoralizza il fatto di dover ricorrere a queste cose, lo xanax per l’appunto… cioè ho paura di tutta questa situazione. di sicuro non ho preoccupazioni..ma credo sia ansia associata allo stress.
    Grazie per avermi letta

    • Ciao Francesca,

      grazie per averci scritto.

      Come dici te, nel momento in cui i pensieri negativi affiorano alla nostra mente portano con loro emozioni come ansia,preoccupazioni e tristezza.

      Dietro l’ansia si nascondono altre paure che, quando ascoltate puoi imparare ad accettare e a superare.

      Il mio consiglio è di cominciare a superare l’ansia notando il momento in cui i pensieri strani compaiono nella tua mente e focalizzando la tua attenzione sul respiro.
      Siediti ed inspira profondamente,senti l’aria che entra e poi espira in modo lento e rilassato. Ascolta il tuo respiro. Sentirai la mente calmarsi e il corpo rilassarsi.

      Facci sapere come va 🙂 ti auguro una giornata meravigliosa!

  • Avatar Roberta says:

    Ciao a tutti, sono Roberta,ho 23 anni e da 6 mesi soffro d’ansia. È cominciato tutto con il lavoro. Il primo lavoro effettivo come cuoca, gestisco da sola la cucina. Inizialmente mi prendevano solo le palpitazioni… mi svegliavo prestissimo la mattina con i battiti a 2000…poi, sempre in quel periodo (quindi 6 mesi fa) mio nonno é venuto a mancare… era un combattente, lottava da 15 anni contro una malattia che lo ha distrutto… ma lui era forte, impossibile da battere…. e gli ultimi giorni che ho passato con lui sono stati duri… vederlo spegnersi piano piano, e poi morire. Il primo mese è stato terribile, all’improvviso mi cominciavano a tremare le mani, il fiato mi si accorciava, sentivo un dolore forte e opprimente al petto e come una sensazione di pianto invincibile che cercava di sopraffarmi. Poi non si è più ripresentato fino a 5 giorni fa, dopo una lite con mia cugina(che è quasi più una sorella) sono stata malissimo. Per un attimo ho pensato di avere un infarto! Il petto mi faceva male, mi girava la testa e le gambe non mi reggevano, il tutto alle 5 di mattina. Mi ci sveglio prestissimo… Aiuto…

  • Avatar Giovanna says:

    Ciao a tutti,mi chiamo Giovanna e ho 17 anni. Soffro da più o meno un ann d’ansia,anzi,credo di essere nata con l’ansia. Da piccola avevo sempre paura di tutto:paura di perdere i miei genitori,paura di non essere mai abbastanza e sopratutto provavo e PROVO tutt’ora una grande insicurezza e una bassissima,quasi nulla autostima. Da quando ho iniziato a frequentare il liceo,c’era una professoressa che particolarmente mi affascinava finché un giorno non parlò di un fatto di cronaca di una ragazza della mia stessa età che uccise i propri genitori sotto effetti di droghe! Da lì iniziò il mio incubo. Iniziai ad avere continui ad attacchi di panico,provavo una paura atroce e nella mia mente fluivano pensieri che io potessi uccidere i miei genitori,che potessi avere un raptus,uscire pazza e far loro del male! Poi iniziavo a pensare che se lo pensavo è perché lo volevo fare,e aumentavano le ansie! Quando invece i miei genitori sono l’unica figura di cui mi fido. Ho avuto un educazione forse un po’ rigida,poiché non mi facevano uscire spesso se non con loro. Non uscivo con i miei amici da sola e questo mi faceva stare male. Però provo un grande affetto per loro e pensare solo di poter causare loro dolore mi fa soffrire! Ho iniziato a fare ricerche e ho capito che si tratta molto probabilmente di DOC-ossessioni pure causate all’ansia. Io non so più che fare. Per un periodo sono stata bene e adesso di nuovo sono tornate a infastidirmi. Ora devo affrontare anche il mio primo viaggio all’estero e ho paura di avere attacchi o addirittura di andare lì e impazzire! Cmq sono una ragazza molto emotiva e sopratutto non rabbiosa,anzi,credo di aver represso tutta la mia rabbia dentro di me. Ne ho passate tante nella mia breve vita,sopratutto in relazioni. Ho subiti svariati tradimenti e anche una “semi violenza”. Vorrei tanto poter uscire da questo tunnel. Non vedo futuro davanti a me,sono solo ossessionata dalle mie paure. Voglio poter vivere la mia vita da adolescente. Non voglio far soffrire i miei genitori,loro mi hanno dato tanto nella mia vita e sono forse i miei migliori amici. Loro sanno di questo disagio e si preoccupano per me perché mi vedono soffrire. Cosa posso fare?Da cosa sono dovute queste paure di poter far del male?

  • Avatar rebecca says:

    Ciao sono Rebecca, ho quasi 18 anni e soffro frequentemente di attacchi di ansia.
    Sinceramente non so da cosa siano dovuti, ma di sicuro so che sono seccanti, scomodi, antipatici, insopportabili. All’inizio, non sapevo come affrontare la situazione, ero in preda dal panico con vari dolori sparsi per tutto il corpo. Adesso, dopo aver consultato il mio medico di base, sono riuscita a calmarmi e a rasserenarmi. Mi è bastato sentirmi dire che sono frutto del mio inconscio. E’ una situazione praticamente psicologica. Sono stata meglio per un periodo, adesso, non so per quale assurdo motivo, sono tornata ad avere questi stati d’ansia! Non so che fare, perdo del tutto il senso di vivere. Ho paura che possa avere un infarto, o addirittura che possa morire da un momento all’altro. Non ho più voglia di fare qualcosa. Ho paura di entrate in uno stato depressivo. Ho dei continui dolori alle tempie e soprattutto al petto. Cosa posso fare?

    • Ciao Rebecca,
      quello che stai provando a livello fisico è frutto delle emozioni di paura e ansia a livello psicologico che creano un circolo che aumenta queste sensazioni.
      Per spezzare il circolo nel momento in cui inizi a sentire i dolori, siediti comoda, fai un respiro profondo ed espira lentamente concentrando tutta la tua attenzione proprio sul respiro.
      Questo ti aiuterà a lasciare andare i pensieri negativi e anche le emozioni e piano piano sentirai i sintomi fisici dissolversi e sparire.
      Facci sapere come sta andando, un abbraccio.

  • Avatar mauro says:

    Ciao,sto soffrendo di ansia da circa 8 mesi a questa parte.quando si presenta me me vado in tilt.la testa fa 1000 pensieri al minuto, penso cose assurde e insignificanti, il cuore mi batte forte e il respiro diminuisce sentendomi quasi soffocare…prima fumavo spinelli tutti i giorni,da quando ho smesso avverto quest’ansia, do piu peso alla vita mentre prima non ci badavo piu di tanto forse perché ero quasi sempre sconvolto? Può concidere anche con il fatto che non provo piu quello che provavo prima per la mia ragazza e quindi ne soffro per questo?grazie in anticipo.

    • Ciao Mauro,
      l’ansia può avere tante cause e uno dei fattori scatenanti può essere proprio fumare gli spinelli.
      Ti consiglio di consultare uno specialista della salute per avere la possibilità di parlarne e di capire come affrontare al meglio questa situazione.
      Fermarti qualche minuto al giorno per concentrare la tua attenzione sul respiro, in modo consapevole può aiutarti a calmare la mente e i pensieri.
      Facci sapere come va 🙂 ti auguro una bella giornata!

  • Avatar Carola says:

    Ciao a tutti sono una ragazza di 16 anni.. più di un anno fa avevo bevuto del caffè e circa un ora dopo ho sentito il battito accelerato, sentivo le mani sudate…ho avuto tanta, tanta paura….avevo paura che il cuore si fermasse da un momento all’altro e quasi ogni minuto poggiavo la metto alla sinistra del petto per assicurarmi che il cuore battesse ancora.
    Dopo un po’ mi sono calmata ma da quel giorno in poi è iniziato l’incubo…..l’ansia ha incominciato a colpirmi ogni giorno provocando in me la paura di morire, morire d’infarto.
    Questa cosa è stata alimentata soprattutto dopo che mio padre un giorno si era sentito male non digerendo bene il cibo.
    Ogni giorno questa paura aumentava…aumentava sempre di più e non era affatto normale perché io mi guardavo in giro e vedevo quelle ragazze della mia età spensierate, libere…o meglio, anche loro avevo i loro problemi ma non come me.. chi a 15 anni ha paura di morire? Forse solo io e questo mi fa tanta paura…ho paura di non essere capita.
    Non sono mai stata una ragazza che possiede molta autostima, forse non ne possiedo proprio.
    Avevo paura…paura di sentirmi male per strada, tutta quest’ansia ha portato a farmi diventare molto nervosa.. e per il mio comportamento di merda ho perso alcune persone, solo perché ho risposto in modo agitato, perché ero agitata.
    Verso l’estate del 2013 l’ansia ha incominciato a venire sempre meno….finchè nell’ottobre/novembre 2013 l’ansia scompare del tutto.
    Inizio a riandare nelle discoteche, a uscire molto più spesso con i miei amici, bere alcolici e anche a comprare i biglietti per partire a Milano per il concerto dei miei idoli.
    In tutti quei mesi che soffrivo d’ansia non avevo mai detto nulla, nemmeno hai miei genitori…certo ero molto nervosa ma niente, nessuno si era accorto mai di niente, solo io dentro di me sapevo cosa avevo, nemmeno la mia migliore amica,0 solo ed esclusivamente tutto dentro tenevo per paura delle reazioni degli altri.
    Il paradiso terrestre dura solo sei mesi.
    Ad aprile 2014 ero molto sotto stress per le troppe interrogazioni e compiti in classe… quel pomeriggio stavo studiando storia, ero troppo stanca.. ma dovevo continuare, quindi sono andata in cucina a bere del caffè per svegliarmi un poco.
    Dopo mezzora sento il battito accelerarsi del tutto…giorni prima avevo sentito al telegiornale di una donna stroncata da un infarto e quindi pensando a questo aumenta la paura e molto di più l’ansia…avevo paura di ricominciare l’inferno di mesi prima, e così fu.
    Ogni giorno lo stesso schifo…ansia,ansia,ansia…..fino a che un giorno mi sono sentita male, diciamo che avevo i sintomi dell’infarto: dolore atroce in tutta la parte sinistra del petto, dove c’è il cuore, male al braccio sinistro.
    Quel giorno sono crollata del tutto…era maggio 2014, era un giorno estivo, forse il 15… mi ero buttata sul divano, la mia voce interiore mi diceva che stavo per morire e cosi l’ansia aumentava di più sino al punto di chiamare mia madre (cosa che in un anno e mezzo non avevo mai fatto solo per non farla preoccupare), e lei mi aveva fatto una tisana…e per riprendermi mi avevano accompagnato dalla mia migliore amica alla quale le ho raccontato tutto, anche che soffrivo da più di un anno.
    I miei genitori vedendomi mi hanno portata dalla dottoressa e questa ha detto che è una cosa normale per i giovani.. ma onestamente per me no e mi ha dato delle gocce calmanti che diciamo le prendevo ogni giorno.
    Diciamo che la cosa si calma di poco…ma solo perché la mia mente sapeva che con le gocce non poteva succedere nulla.
    Quindi.. mi sentivo male, prendevo le gocce e stavo bene.. questa cosa è andata avanti per 5 giorni ma poi mia mamma non l’ha più accettato, sono pur sempre una ragazza di 16 anni.
    L’altra volta ero molto nervosa e vedendo la situazione me le ha date.
    Non esce spesso, quando esco sto male e se sto male mi pento di essere uscita e voglio la mia mamma, la mia casa.
    Esco una volta alla settimana…ho paura di andare a mare, ho paura di andare ad ascoltarmi una semplice messa, ho paura di rimanere a casa sola.. di cosa non ho più paura non lo so nemmeno io.
    Pur raccontandolo ai miei genitori, alla mia migliore amica…la cosa non si è per niente placata….anzi, al contrario ogni volta che ho disturbi d’ansia ho dolori atroci alla parte sinistra del petto, dove c’è il cuore e male al braccio sinistro.
    L’ansia mi ha portata ad avere paura di ogni cosa… anche del singolo moscerino che sta accanto…provocando nuove paure….TUTTE ACCUMULATE dentro di me.
    A volte penso di essere pazza….questa cosa mi ha portato anche a l’autolesionismo.
    Fra 13 giorni dovrò partire a Milano con l’aereo.. e se mi sentissi male lassù? Come faccio? Sono sola con mio padre.. ho davvero molta paura..avevo pensato di non partire ma come faccio? il biglietto? l’aereo? farei perdere a mio padre tantissimi soldi e noi non stiamo molto bene economicamente.
    Avevo pensato di parlare con qualcuno che mi potesse capire e aiutare a guarire…una psicologa.
    Non ne posso più…sono arrivata al culmine, mia madre vedendo che sto male io di conseguenza dice quello che pensa perché sta male pure lei vedendomi soffrire così.
    Mi da della vecchia.. si scogliona quando dico che ho dolori forti al petto o male al braccio.
    Io non ne posso più.
    Ormai è da più di un anno e mezzo che sono imprigionata da questa mia paura.. ho paura che ne nascono altre..come sta già succedendo. Ma ricordiamoci una cosa.. io ho solo 16 anni! Il mio futuro, i miei progetti… a volte penso guardando bambini piccoli: ma io ne avrò mai uno? o muoio prima del tempo.?
    Ho 16 anni, voglio…devo liberarmi da queste paure, dall’ansia… non ne posso più…VOGLIO VIVERE…come le altre mie coetanee…quando esco non voglio più preoccuparmi che mi accade qualcosa… voglio stare tranquilla, voglio godermi la mia vita…voglio partire stando tranquilla…voglio essere libera…al più presto.

    • Ciao Carola,
      capisco che questa situazione ti faccia vedere tutto nero, ma si sente anche la voglia che hai di uscirne. La forte voglia che hai di vivere e di tornare serena e spensierata.
      La reazione fisica che hai in seguito al caffè è piuttosto comune anche se se ne parla poco. Il caffè essendo uno stimolante può provocare un accelerazione del battito cardiaco ed è poi la paura a scatenare tutti gli altri sintomi.
      Ti posso consigliare due cose molto importanti:
      – imparare a focalizzare la tua attenzione solo sul respiro, inspirare profondamente ed espirare lentamente concentrandoti completamente su quello.
      All’inizio potrebbe non essere immediato ma piano piano continuando a farlo sentirai i pensieri e le paure diminuire e ti sentirai pronta a lasciarli andare. In quel momento ogni dolore fisico sparirà perché è creato prevalentemente dai tuoi pensieri e dalle emozioni di ansia e paura.
      – rivolgerti a una psicologa che ti insegni le tecniche di respirazione e rilassamento più efficaci e ti ascolti è sicuramente un’ottima idea per velocizzare il percorso ed uscirne definitivamente.
      Credimi, starai bene. Passerà e tornerai a goderti la vita spensierata che desideri.
      Un abbraccio e facci sapere come va 🙂

  • Avatar Grey venturi says:

    Salve,
    Da un po’ circa tre mesi fa mi sono lasciato della mia ragazza con cui stavo insieme circa tre anni con lei tutto bene (parlo nel ambito sessuale) da tre mesi a questa parte ogni volta che cerco di avere un raporto vengo assalito da un ansia strana nel petto e alcune volte mi impedisce di avere un rapporto sessuale, ho cercato alcune soluzioni ma l’ansia e ancora li.. Vorrei dire che ho 21 e ho normali erezioni ma non so perché l’ansia torna sempre nel momento del rapporto
    Grazie ..

    • Ciao Grey,
      può essere una fase normale dovuta al cambiamento e al nuovo che si presenta. Puoi provare a fare qualche esercizio di respirazione da solo a casa per riuscire poi a sbloccare l’ansia in quel momento focalizzandoti sul respiro e permettendoti di rilassarti.. facci sapere come va 🙂

  • Avatar michela says:

    Ciao, sono una ragazza di 23 anni sono sempre stata una xsona ansiosa, ma da qlk tempo è diventato motivo di vero disagio. Ho paura di fare le cose xk quando l ansia mi assale scappo.. da oggi proverò a seguire il consiglio di combatterla. Inoltre il punto dove si concentra l ansia x me è lo stomaco e hi sempre più paura di vomitare in pubblico. . Da oggi sentendo le altre testimonianze mi faccio piu forza sentendo che un problema cosi comune.. complimenti la vostra pagina è davvero di aiuto!

  • Avatar Angelo says:

    Salve a tutti, mi chiamo angelo, volevo spiegarti, ansi volevo spiegarmi come fare a non pensare sempre le stesse cose, praticamente sono un ragazzo di 17 anni, e sono fidanzato da 1 anno e 7 mesi, con una ragazza meravigliosa, praticamente tutto il mio arco di tempo insieme a lei lo vissuto sempre bene, con la sua famiglia e tutto, non mancavano anche i piccoli litigi ecc magari perchè sono geloso, non volevo che facesse determinate cose ecc, però io ero tranquillo moralmente, invece circa 1 mese fa lei mi ha detto cosi non funziona, cioe che magari la presso o per la gelosia, io davanti a lei ho pianto, pero prima di questo fatto io ero orgoglioso assai e quindi magari le avrei detto, non vuoi che sono cosi allora lasciamoci, invece no quando mi ha detto questo e ho pianto io poi ho detto va bene sarò come dici tu. allora le cose si sono sistemate, però non so perchè da quel giorno mi sento pressato, non posso stare lontano da lei, e sto pure male perchè ho paura che magari ci lasciamo, perchè ci tengo tanto a lei, insomma voglio farti capire che sto male senza che ce ne fosse di bisogno perchè lei e tranquilla mi ama ed e felice insieme a me e io lo so, ne sono convinto, però sto male lo stesso, perchè mi sembra tipo cambiata, sto pure attento alle piccole cose ai piccoli gesti magari che fa, nell’arco della giornata avvolte mi passa, pero poi la sera, quando vado a dormire, chiudo la chiamata con lei e mi addormento magari e mi sveglio sempre presto mi sveglio involendo, e mi sveglio in tensione, pensando sempre a cose brutte, tipo se mi lascia che faccio ecc ecc, e io nella mia testa mi dico sempre, Angelo non pensa Angelo non pensare non e hai bisogno. da 2 mesi fa io ero tranquillo stavo magari tranquillo lontano da lei, invece ora mi sento solo lontano da lei. mi e capitata una cosa del genere quando avevo 10 anni, pero la pura era di perdere mia madre, era una specie di fobia della perdita di persone care, pero mi era passata, da solo. Adesso come faccio, a parte che magari forse e solo la mia testa che la vede cambiata. Grazie saluti Angelo

    • Ciao Angelo,

      grazie per averci scritto 🙂

      Avere paura di perdere le persone care è un’emozione abbastanza comune.
      Questa paura provoca pensieri negativi e aumenta l’ansia a volte senza un motivo reale.

      Ogni volta che questi pensieri compaiono nella tua mente allenati a spostare l’attenzione su qualcos’altro come per esempio una canzone che stai ascoltando, un libro, la televisione o semplicemente ascolta il tuo respiro.

      Se ti pare che questa tensione diventi eccessiva ti consiglio di consultare il tuo medico di base o uno specialista del benessere psicologico 🙂

      Un abbraccio

  • Avatar laura says:

    Buongiorno a tutti, sono una ragazza di 34 anni e ho forti disturbi d’ansia.Lavoro su una nave da crociera da 10 anni, ho fatto tante volte il giro del mondo, visto posti spettacolari e provato emozioni fortissime…più volte ho pianto di felicità ritenendomi fortunata a fare un lavoro così bello e adrenalinico.Da premettere che lavorare in nave non è una passeggiata, si lavora tutti i giorni e molte ore al giorno . Però io accompagno gli ospiti in tour x cui vedo posti meravigliosi e imparo tanto ogni giorno.Quindi per me è normale stare oggi in India domani a Singapore ecc.Adoro viaggiare e conoscere usi e costumi diversi.Lo trovo un arricchimento incredibile e ad esempio perdermi per le strade o i souks di Marrakesh…il profumo delle spezie…emozioni uniche….E allora? Qual’è il problema? Il problema è ke dopo tanti anni passati a bordo ora non riesco più a vivere a terra, ho ansia di ricominciare una vita a terra, mi sento in prigione qui, mi sta tutto stretto….non sento neanche l’istinto materno e non so da dove eventualmente ricominciare…10 anni in nave ti cambiano il modo di vedere le cose e quando torno a casa vedere i miei amici con figli, problematiche ec. mi mette in crisi.Finche’ ero giovane non ci pensavo ma ora devo farlo.o qui per sempre o in mare x sempre….ma se qui soffriro sempre? E l’ ansia?

  • Avatar Alessandro says:

    Salve a tutti, mi chiamo alessandro e sono un ragazzi di 15 anni, è da un po di tempo che gioco a calcio ( 5 anni come portiere) e ora sono arrivato da una squadra che per ora gioca in serie D ( formiggine), quando ho iniziato a fare i primi allenamenti con loro era tutto apposto e nn sentivo nessun filo d’ansia, neanche quando l’anno scorso ho giocato la finale con la mia vecchia squadra ( ero serenissimo come un neonato che dorme); adesso da qualche settimana e dopo aver fatto qualche partita ufficiale con il formiggine, sono andato in crisi totale, non riesco a trattenere l’ansia e insieme ad essa escono tutte le espressioni che avevo represso di mia volontà dentro di me ( la maggior parte di esse sono emozioni di tristezza perché ho dovuto sopportare la morte di 2 bisnonni e di quasi tutti i miei nonni); subito all’inizio pensavo o almeno speravo che sparisse tutto ma ciò nn è successo.
    Mi puoi aiutare?

  • Avatar Dario says:

    Buonasera a tutti. Io mi chiamo Dario e ho compiuto 25 anni un mesetto fa. Il mio “calvario” è iniziato in seguito alla morte di mia madre nel 2010, fatto da me somatizzato per qualche mese e poi esploso con tutta la sua forza qualche mese dopo in erasmus. È iniziato tutto una sera quando insieme ad un mio collega e amico della mia città siamo andati a fumare un paio di Spinelli di erba a casa di questo altro ragazzo italiano conosciuto in Spagna. Fumando e chiacchierando del più e del meno questo ragazzo si sente male e po portiamo in ospedale (momenti tragici per me e il mio amico nn sapevamo ancora bene lo spagnolo e chiedere aiuto con questo ragazzo che urlava per casa sua dicendo che gli stava venendo un infarto è stata un esperienza che nn auguro a nessuno). Durante il tragitto a piedi ho iniziato ad avere qualche strana sensazione sentendo il petto strano ma nn gli diedi molta importanza. La notte stessa o la seguente nn ricordo ebbi il primo attacco si panico. Nn sapevo che mi stava succedendo mi sentivo come fuori dal mondo col cuore che batteva all’impazzata e io che pensavo di morire. Da lì è iniziato un calvario che tutt’ora mi porto ancora dietro ma in modo molto ridimensionato. Grazie al lavoro di una bravissima psicologa insieme all’aiuto di un farmaco il cipralex ho passato quest’ultimo anno veramente bene, mi sentivo una persona “normale” finalmente. Ora sono un mesetto che ho finito il percorso sia con la psicologa e con il farmaco ed ecco che rinizio ad avere nuovamente giornate quando più quando meno agitate. Niente a paragone con quello vissuto in passato ma ecco pensavo di aver scritto la parola fine nella mia vita con questo “problema” se così lo vogliamo chiamare. Il più delle volte mi controllo ed episodi tragici nn è mai avuto ne prima ne ora per fortuna salvo qualche visita al pronto soccorso. Ora vorrei chiederle se io devo aprire le porte a questa mia ansia, come faccio a capire cosa questa voglia da me e fare in modo che non torni più??
    Grazie è un articolo stupendo lo farò girare ai miei molto amici che soffrono dello stesso mio problema.

    • Grazie Dario per averci scritto e aver condiviso con noi la tua storia e il tuo percorso 🙂
      Complimenti per la forza e la determinazione che dimostri ogni giorno a te stesso!

      Puoi provare con la meditazione, anche solo 10 minuti ogni giorni. Sederti in silenzio, chiudere gli occhi e ascoltare il tuo respiro. Pensieri ed emozioni piano piano affioreranno e tu sarai lí solo per ascoltare senza giudicarli.

      Quando accettiamo un’emozione anche negativa, essa perde potere e diventa più debole, fino a scomparire.

      Dai un occhio ad Omweek per cominciare e facci sapere come va 🙂 ecco il link http://omnama.it/meditazione-omweek

      Un abbraccio di luce dal team Omnama

  • Avatar andrea says:

    salve, da quando ho finito gli studi e ho cominciato a lavorare come geometra ho cominciato ad avere problemi di scrittura. ho cominciato ad avere difficolta a scrivere alcune lettere e numeri non capendo perche. da qui mi e’ cominciata a venire ansia e paura ogni volta devo scrivere qualcosa di importante e davanti le persone non so come fare la mia mano si blocca o scrivo molto male con grande agitazione. e’ 15 anni che lavoro ma il passare del tempo non mi ha aiutato ancora oggi e’ cosi. potete aiutarmi grazie

    • Ciao Andrea,

      è possibile che si sia innestato un circolo che si ripete e che puoi spezzare.
      Prova a chiederti cosa ti spaventa davvero? il giudizio degli altri? la paura che peggiori?

      Ascoltare e capire la vera radice dell’ansia è un primo passo per indebolirla.

      Mentre scrivi porta la tua totale attenzione e concentrazione al gesto che stai facendo, alla penna, al foglio, alle lettere in questo modo distoglierai la mente dal pensiero ansioso quel tanto che basta per cominciare ad interrompere il circolo.

      Ti consiglio anche di consultarti con uno specialista (in particolare cognitivo-comportamentale) che può darti gli strumenti e il supporto necessario per permettere a questa ansia di passare piú velocemente.

      Facci sapere come va 🙂 Buon percorso!

  • Avatar stefano says:

    Ciao mi chiamo Stefano,sono stato sempre un tipo ansioso…ma ora è assurdo!!!!!
    Lavoro sono sposato,ho comprato casa,mi ritengo la persona + fortunata al mondo,non capisco il malessere che mi è sorto dopo essere andato in ferie una settimana,Soffro di forti dolori cervicali,che mi danno spossatezza,somatizzo molto la cosa,sto male,ma il problema + brutto e che non riesco ad andare a lavoro,forse per paura di sentirmi male li?c’è connessione tra cervicale e ansia???Cavolacci direi il lavoro che faccio mi piace ma pechè ripeto mi sorge un’ansia infrenabile che mi fa stare male e non andare a lavoro????Come posso fare??Grazie spero in vs.risposta

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Stefano,
      i dolori del corpo spesso sono somatizzazioni dei nostri stati emotivi, in particolare i dolori localizzati in certe aree del nostro corpo.
      Hai mai provato a meditare? Prova con questa traccia e regalati 10 minuti al giorno per connetterti con te stesso e con le tue emozioni http://omnama.it/lp-meditazione
      Un’altra cosa che puoi fare, oltre a mettere in pratica i consigli dell’articolo, è consultarti con un terapeuta specializzato che ti possa dare gli strumenti per superare l’ansia in modo efficace e definitivo!
      Ti auguro uno splendido weekend 🙂

  • Avatar nadia says:

    Ho 20 anni e ho sempre sofferto d ansia sin dai 12 anni. Si manifestava improvvisamente,come lo fa tutt’ ora,d’un tratto sento il cuore battere a mille,la vista mi si annebbia e sto male. Ho bisogno di uscire,di scappare dal posto dove sono e di recarmi a casa,posto per la mia mente più sicuro. Mi fa male letteralmente il cuore,e non so più cosa fare,mi sale la paura di svenire( mi è capitato già di svenire) e quindi mi agito ancora di più,dura 5-10minuti credo,ma poi può anche ricomparire. Non ce la faccio più mi sta togliendo tutte le cose belle della vita che devo affrontare mi crea problemi ovunque

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Nadia, non lasciare che l’ansia ti tolga le cose belle della vita.
      Prendi in mano la tua vita, ascolta il messaggio profondo di questa emozione, accettalo e giorno dopo giorno riuscirai a lasciarlo andare.
      Sei molto giovane e davanti a te hai tutta una vita splendida 🙂
      Ti consiglio anche di consultare uno specialista, in particolare un esperto in tecniche cognitivo-comportamentali, le più efficaci per superare questo tipo di emozioni e per riprendere in mano la tua vita completamente.
      Fammi sapere come sta andando 🙂
      Un abbraccio

  • Avatar claudia says:

    salve ho 22 anni, il mio ragazzo quasi 23 (il padre del mio ragazzo 43) io fino 3 anni fa stavo benissimo, ma in un viaggio il mio compagno nella quale sono fidanzata 6 anni si è sentito male x tutta la vacanza dal 2° giorno (viaggio di 10g.) eravamo solo io e lui, l’ultimo giorno per tutto lo stress che avevo per il suo malessere ho conosciuto l’ansia e mi è venuto un attacco di panico.. pensavo che stavo per morire ho incominciato a sentire una brutta sensazione, il cuore mi batteva velocissimo!! dopo ho vomitato e ho incominciato a tremare e non reggermi in piedi dopo 3 quarti d’ora è arrivata l’ambulanza e mi dicevano con antipatia e… non possiamo farci nulla!! e la mi è salita ancora di più. comunque dal giorno ho incominciato a soffrirne..(so il motivo ma non posso evitarlo). perché è da 2 anni e mezzo che convivo a metà a casa dei genitori del mio ragazzo (metà perché di mattina fino alle 6 e 30 sto a casa da mia mamma e dalle 6.30 fino all’indomani mattina rimango a dormire a casa del mio ragazzo con suoi nonni, zii e padre) io amo troppo il mio ragazzo e non riuscirei a fare due passi in dietro non dormendo più con lui, e solo che il padre fa troppe cose che mi fanno salire il sangue al cervello sarà che io sono fortunata e ho avuto una famiglia esemplare, anche se senza mio padre che lui non è di sicuro una forma di esemplarità. comunque ora elenco i fatti che mi fanno venire l’ansia:
    1. io non ho un lavoro e non lo trovo
    2. lui lavora con l’azienda del nonno e non è assicurato prende 20 euro al giorno per un
    full-time quindi non avremmo futuro non possiamo prenderci un mutuo
    3. il padre si fa comprare tutto dal figlio tipo ogni giorno un pacchetto di sigarette, un caffè e altro già prende poco se in più poi li usa per comprare cose al padre non gli rimane nulla (anche il padre “lavora in quella azienda)
    4. il padre minimo 3 giorni a settimana non va a lavorare perché fa le ore piccole la notte, pensa che il mio ragazzo non manca manco un giorno da lavoro!!
    5. nonostante tutto lo tratta peggio di un servo, gli dice che non fa mai un c**** lo umilia davanti a i suoi amici sottomettendolo esempio: io e lui giocavamo a biliardino con amici in un bar arriva il padre e gli dice togliti vai a prendermi un jack daniels il mio ragazzo aspetta pà fammi finire… e lui ti ho detto di andare ! sei un pezzo di mer** verme! ecc..
    6. a me dopo 1 anno si è permesso LUI! di criticare a mia mamma che manco la conosceva! dicendomi che non era una madre io mi sn morsa la lingua sempre per non far succedere pasticci e ancora oggi si è ripermesso di dire una cosa cosi’ ma gli ho risposto con tranquillità dicendogli che non è assolutamente vero.. per me è solo geloso perché mia mamma mi ha cresciuto benissimo
    7. non gli hanno insegnato il rispetto al mio ragazzo lo vedo su tutto.. quando un periodo litigava con la nonna gli diceva cose orribili che io nn mi sarei mai permessa di direre manco al mio peggior nemico gli aveva lanciato anche una scarpa e quando litiga con me mi dice cose orribili ugualmente e dopo che mi ha fatto diventare matta mi chiede scusa ma gli dico sempre non devi più chiedermi scusa devi pensarci prima.. ma in 6 anni non lo ha ancora capito
    8. mi da fastidio anche che a casa sua non cè nulla cè solo 1 tv quindi rimaniamo dalle 7 e 30 fino a che andiamo a dormire coricati sul divano con suo padre che ovviamente guarda solo quello che vuole lui e ovviamente programmi che a me fanno schifo come macchine, calcio, moto, bici
    9. al 2° piano cè la casa del padre dove non cè cibo ne bevande ne confort ne rete per internet e 1 tv cioè dove stiamo noi mentre al 1 piano cè il nonno con la nonna e lo zio a volte la nonna è 24 ore su 24 in cucina (non cenano ) ognuno va a mangiare quando vuole quindi ogni volta che andiamo a mangiare dalla nonna cè sempre lei che si guarda programmi paesani deprimenti o gioco del poker (che io manco ci so giocare)
    10. molto spesso il padre ci aspetta per scendere a mangiare quando noi cerchiamo di andarci soli (visto che il mio ragazzo sa più o meno che preferisco evitarlo)ad esempio lui è giu da un ora e mazza aspettiamo che salga che finisca per scendere noi e non arriva quindi la fame si fa sentire e scendiamo .. be anche se ha finito di mangiare ci aspetta anche per un altra ora e mezza!! o magari un bel giorno non cè la nonna e vai! possiamo vedere quello che vogliamo e no! dopo 5 minuti arriva il padre che ci cambia il programma e nonostante allunghiamo in modo tale che se ne vada no ci resta appiccicato nonostante ha gia finito di mangiare da un pezzo! per me lo fa a posta
    11. i nonni gli vogliono molto bene ma la nonna ha ugualmente atteggiamenti che mi danno fastidio sta sempre criticando a tutte questa è una b******* questa è una tr***** mentre se vede ragazzi maschi che bel ragazzo … ecc. c’è l’ha con le femmine! sarà che lei è l’unica femmina
    12. la nonna e il padre si sono intromessi tutti e 2 nella storia del figlio della nonna cioè il fratello del padre gli hanno sempre messo i bastoni tra le ruote tant è che ora si sono lasciati, addirittura la nonna faceva andare a casa l’ex dell figlio e criticavano assieme la ragazza che aveva e che stavano da 7 anni a sieme
    mentre il padre è arrivato a dire al fratello di scegliere lui o lei …
    13 il padre è un maschilista dice che le donne che vengono stuprate se la vanno a cercare. e quelle che vengono picchiate dai ragazzi è colpa loro che si sono scelte quel ragazzo e che gli sta bene che sono delle tr*****
    14. la madre non la vede quasi mai, da piccolo lo picchiava sempre senza motivo o x motivi banali
    15. a me tutte queste cose mi pesano troppo!!! e il mio ragazzo è abituato per lui questo è tutto normale e quando tento di sfogarmi e dirgli ciò che mi da fastidio lui la prende come un offesa ma io non offendo non l’ho mai fatto gli dico solo la verità che lui sa ovviamente ma sembra che la rinnega e che cosa fa? insulta a mia madre su cose che non hanno senso e dopo mi richiede scusa ma non riesce a capire quanto sia pesante per me
    16. gli ho chiesto se facevamo metà e metà cioè un po a casa mia e un po a casa sua ma lui non vuole!! dice chè lui non riesce a dormire in un posto cosi piccolo e senza finestre ( perché casa mia è un semi interrato) e x me è anche perché è strà appiccicato e affezionato al padre, non so come sia possibile visto per come lo tratta.
    17. succedono spesso delle liti tra il mio ragazzo e il padre che sono veramente pesantissime si umiliano uno con l’altro addirittura arrivano a inginocchiarsi ai piedi per chiedere perdono il padre spacca tutto addirittura mi aveva rotto il vetro del mio tablet nuovo che avevo pagato con tanti sacrifici . poi gli dice basta me ne vado lasciami in pace e il mio ragazzo lo rincorre come un cagnolino mollandomi per un ora sola poi sale e dico finalmente ! hanno finito e no dopo 10 minuti lo chiama il padre al telefono e gli dice di andare immediatamente la! quindi mi molla per un altra ora da sola x correre dal padre ( per me al padre gli do fastidio io e lo fa a posta) e prima di questo mi mettevano in mezzo a me!! sia il mio ragazzo che il padre ora il mio ragazzo non lo fa più perché glielo ho detto ma il padre lo fa ancora tenta di mettermi contro al figlio io sto muta e non rispondo perchè sono affari loro .. ma a volte ci fa litigare.. perché ci fa esasperare

    e bene sono tutte cose fuori dai miei principi e sto male al pensiero di avere un futuro con dei suoceri così e il pensiero che i miei figli abbiano un nonno cosi ma soprattutto sto male a vivere giorno dopo giorno tutto questo noi siamo bloccati, per favore aiutaci…
    scusi del romanzo ma per me sono tutte cose importanti per vedere il quadro chiaro attendo una risposta grazie

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Claudia,
      la situazione che state attraversando é molto complessa e quello che mi sento di consigliarti di cuore è chiedere una consulenza personale o di coppia ad uno specialista della salute. Puoi verificare che figure professionali , come psicologi, sono presenti presso l’AUSL della tua città e richiedere una consulenza gratuita.

      Quello che puoi fare in questo momento è rileggere tutti i punti che hai scritto, prendere un foglio bianco e per ognuno rispondere a queste domande:
      -Questa situazione dipende da me o da qualcun’altro?
      -Ho il potere di cambiare questa situazione?
      – Se sí, scrivi tre possibili soluzioni che puoi fare, le valuterai dopo, ora scrivile di getto
      -Se no, chiediti, che strategia posso adottare per accettare/ evitare questa situazione? Cosa mi farebbe stare bene?

      Spero di esserti stata d’aiuto, un abbraccio di luce Claudia.

  • Avatar simona says:

    ciao a tutti! conoscete qualche bravo terapista a Pisa, esperto di problemi di ansia?
    Grazie a tutti

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Simona,
      hai provato a sentire presso l’Ausl della tua zona in particolare presso il reparto di terapia psicologica o i consultori familiari?

  • Avatar Carmen says:

    salve, io purtroppo non riesco a fare nulla.. cioè non riesco ad ascoltare il telegiornale
    perchè sento quelle disgazie addosso a me
    non riesco a guardare un film…
    io prima guardavo quelli horror senza problemi, ora per me è impossibile
    comunque soffro parecchio, sono arrivata dallo psicologo che mi ha indirizzato dal neurologo….
    cmq abbiamo scoperto che io a casa sto male è l’ ansia è dovuta a ciò (rapporto pessimo con il resto della famiglia)
    tutto questo è sfociato adesso però, perchè un operazione ha diciamo, fatto da goccia traboccante…e quindi io sono letterlmente sfasata del tutto
    ora ho risolto..appianato grazie alla psicologa i proplemi in famiglia…ma ancora porto dentro delle pene opprimenti…siciramente dovrei riandarci…ma costa botte di soldi ogni volta
    …comunque l mia paura principale è quella dell infarto…
    ogni volta mi dicono ” ma vedi che nn viene cosi eh”
    ioancora non me ne convinco…perchè sento sempre, di bambini piccoli che ne muoiono …e quindi mi fisso…il bambino che è morto a Roma (credo) mica fumava…stava bene dicevano..è pure è morto di infarto…io evito il telegiornale come la peste, per questo motivo.. Comunque..che posso fare? la psicloga non mi ha aiutato per niente, per quanto riguarda questa paura..quella frase l’ha detta lei…
    si figuri che io bevo solo acqua, da quando il dottore, mi ha detto che anche la coca cola può aumentare i battiti..(fin ora ho preso le Quiet, per stare calma..le prendo solo in casi di estrema urgenza) non è la prima volta che mi succede però, in passato all età di 15 mi è preso questo malore e diventai dipendente da alcune pillole, separarmene è stato drastico, perchè ne avevo dipendenza, ogni volta la prendevo prima di uscire di casa….una volta la dimenticai e fu una tragedia
    Premetto che in famiglia soffre mio padre e fa già uso di farmaci da tempo è esaurito totale
    passa da stati di euforia a stati di depressione o opprressione da un ora all altra
    io sinceramente non voglio finire cosi
    io prima viaggiavo da sola…me ne andavo di qua e di la pure senza mangiare
    facevo cose assurde..e ora? non voglio allontanrmi da casa, non ho più fame nons ento la sete..mangiare è diventata un impresa (ho perso chili…)

    purtroppo tutte le ” repressioni” stato venendo fuori adesso..prima mi scivolava tutto adosso ho troppe preoccupazioni e sento che devo dirle tutte..ma come fare?
    mio padre ad esempio da quando ha visto quasi morire un suo amico è diventato cosi…ma all età di 40 circa..io ne ho 23 e sento che la vita mi finisce da un momento all altro

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Carmen,
      ti ringraziamo per aver condiviso con noi la tua storia.
      Una cosa che ti può essere utile è quella di intraprendere un percorso terapeutico e sentire un punto di vista di un altro specialista.

      I momenti in cui tutte le nostre “repressioni” emergono sono i più difficili da vivere e da gestire ma corrispondono anche al momento in cui emerge la nostra consapevolezza e con lei la possibilità di reagire in modo diverso agli eventi.

      Prova ad focalizzare la tua sensibilità su cose ed eventi positivi, tenendo un diario delle “cose belle”, questo ti aiuterà a riempire la tua vita, giorno dopo giorno di maggiore serenità.
      Ti auguriamo una giornata meravigliosa 🙂

  • Avatar Daniel says:

    Ciao, sono ormai 10 anni che vivo con ansia forte, pensieri assurdi e conseguente mal umore, tutto ciò senza alcun motivo, so solo che soffro moltissimo, ed ogni giorno vivo con la paura che possa succedere qualcosa…. Nn vedo l’ora di gioire ed eliminare questo brutto male. Grazie a tutti

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Daniel, è difficile convivere con tutto questo. Hai provato a mettere in pratica gli esercizi e la respirazione profonda? Anche chiedere il supporto di uno specialista può esserti d’aiuto. Ti mandiamo tanta energia positiva 🙂

  • Avatar simona says:

    Ciao…sono una ragazza di 34 anni e’ un periodo a questa parte che da circa un anno e magari soffro di attacchi di panico…ansia…..alla improvviso mi sento disturbata alla pancia gambe infastidita mi viene di gridare… inquieta!!! Faccio degli esercizi stirandomi un po gambe e piedi xrilassarli massaggio la pancia annuso un olio alla arancia calmare ansia e tachicardia che ho pure!!!! Ho provato a fare terapia all asp della mia città ma serietà zero!!! A pagamento non finivano mai terapia di un anno.. risultati poco. ..il mio terrore e paura sono morire. ..paura di perdere mio padre.. ho difficoltà anche a dormire, non ho un sonno…anzi ho notato che sono troppo adrenalinica cucinò tanto mi impegno tantoxdistrarmi ma noto che lo stress mi dà poi la notte tachicardia da paura ….aiutatemi con qualche consiglio… grazie.

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Simona, hai provato ad accettare l’emozione dell’ansia e ascoltare il messaggio che ti vuole portare? Per quanto assurdo possa sembrare, le nostre sensazioni negative racchiudono sempre un messaggio che possiamo usare a nostro favore.
      Visto il percorso che hai fatto potrebbe essere utile cercare uno specialista in disturbi d’ansia e attacchi di panico. Esistono terapie basate sulla psicologia cognitivo-comportamentali molto efficaci, pratiche e brevi ( massimo 15 incontri). Ti auguriamo una splendida giornata e facci sapere come va 🙂

  • Avatar andrea says:

    Ciao ho 26 anni, io sono da 10 anni che mi vengano attacchi d’ansia quando devo andare a cena da parenti o amici oppure al cinema giusto per fare qualche esempio. Prima di uscire mi viene leggera poi va ad aumenta. L’ansia mi si scarica tutta in pancia è inizia a brontolare e li il panico aumenta xke ti senti in imbarazzo. E difficile combatterla!

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Andrea,
      l’ansia non è facile da superare ma non è impossibile 😉 Hai provato a utilizzare alcune di queste strategie?
      Puoi anche consultare uno specialista del settore che potrebbe suggerirti altri metodi per superarla definitivamente.
      Ti auguriamo una giornata meravigliosa da tutto il Team Omnama

  • Avatar Fabrizio says:

    Ciao,
    mi trovo da poco in questa situazione di attacco d’ansia. E’ cominciato tutto dopo aver fumato roba non “salutare”. Lo so ho fatto una bravata e me ne pento ancora se ci penso. Fatto sta che dopo dopo aver assunto quella roba mi è venuto un’attacco di panico, battito accelerato e pressione alta, finendo così al pronto soccorso. A distanza di giorni questi attacchi si ripresentavano anche senza aver assunto nulla (e mai più rifarò una cosa del genere). Mi sono rivolto al dottore il quale ha affermato che è tutto un fattore psicologico, in quanto ripensando a quell’evento entro nel panico. Sono passati circa due mesi e gli attacchi di panico sono diminuiti, imparando più a distrarmi che a soffermarmi e ripensarci. Nonostante questo non sono andati mai via del tutto. Si presentano come una vampata di calore seguito da una sensazione di vuoto nella testa, da questo ne segue palpitazione improvvisa o pressione alle tempie. Cosa dovrei fare? Complimenti per la pagina!

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Fabrizio, grazie per averci scritto e aver condiviso con noi la tua storia 🙂
      È una delle reazioni più comuni causate dal fumare roba “non salutare”.
      Riuscire a distrarsi e focalizzare l’attenzione su altro è un buon modo per diminuire l’intensità degli attacchi.
      Ti consiglio di rivolgerti a uno specialista, in particolare ad un terapeuta cognitivo comportamentale in quanto puoi imparare altre tecniche efficaci e scientificamente provate proprio per gestire e superare completamente gli attacchi di panico.
      Facci sapere come va 🙂

  • Avatar enza says:

    ciao.. sono enza.. ho 18 anni da un anno circa che soffro di ansia e attacchi di panico.. mi vengono spesso.. nn riesco più a vivere. 🙁 vorrei k finisse tutta quest’ansia k mi prende all’Improvviso.. 🙁

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Enza,
      uno dei modi più efficaci per diminuire l’ansia e riprendere il controllo durante gli attacchi di panico è portare la propria attenzione al respiro e respirare lentamente e profondamente. Questo induce una serie di processi che portano la mente e il corpo a rilassarsi, hai provato?
      Ti consiglio anche di rivolgerti al tuo medico di base o a uno specialista nel settore che ti potranno essere d’aiuto. Un abbraccio 🙂

  • Avatar chiara says:

    Ciao a tutti sono una ragazza di 20 anni che soffre di ansia da 5 mesi. È iniziato tutto quando ho avuto un abbassamento di pressione e questo mi ha influenzato parecchio..ho paura di sentirmi male in continuazione, sento il fiato corto e il petto pesante e non ne posso più.. sono migliorata tanto in realtà ma ancora non passa, voglio sconfiggerla e voglio tornare a vivere!

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Chiara,
      l’ansia spesso è scatenata proprio dalla paura, che non fa altro che aumentare l’ansia stessa.
      Un modo per rompere questo circolo è sedersi in una posizone comoda, chiudere gli occhi e concentrarsi sul proprio respiro. Sentire l’aria che entra e che esce aiuta a rilassarsi e a calmare sia il corpo che la mente. Prova con questo esercizio http://omnama.it/blog/combattere-l-ansia.
      Ti consiglio anche di rivolgerti al tuo medico di base o a uno specialista nel settore che ti potranno essere d’aiuto.
      Un abbraccio da tutto il Team Omnama <3

  • Avatar andrea says:

    ciao ragazzi io dopo la morte di mio zio 2 anni fa mi è crollato il mondo intero su di me e come se una parte di me nn accettò questo fatto tanta paura di morire ma sopratutto l ansia che mi assaliva co tachicardia peso al petto o nello stomaco mi facevo le peggio pippe mentali adesso si può dire che sto un po meglio pero del tutto nn è sparita quando mi viene ho tanta adrenalina nn mi riesco a tranquillizzare penso subito al peggio però aver letto questo articolo mi aiuterà molto voi cosa consigliate io odio medicine voglio combattere co le mie forze questo problema e uscire da questo tunnel questo articolo mi aiuterà molto ;)))

  • Avatar ANTONIO says:

    CIAO A TUTTI MI CHIAMO ANTONIO E HO 20 ANNI DA SABATO SCORSO CHE VIVO OGNI MATTINA FINO AL PRANZO CON ANSIA… MI SENTO COME SE NON RESPIRO E MI SUDANO LE MANI E PROVO UNA SENSAZIONE DI VUOTO INTORNO A ME.. DOPO CHE PRANZO PERO’ TUTTO CIO’ SCOMPARE…. FORSE E PERCHE’ SABATO SCORSO MENTRE MANGIAVO MI SONO SENTITO MALE?

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Antonio,

      Grazie del tuo commento 🙂

      Nessuno di noi è un medico e non siamo di darti risposte risolutive. Visto gli attacchi d’ansia si ripetono ogni giorno e mi par di capire nello stesso orario ti consigliamo di sottoporre la cosa al tuo medico. Mi sembra anche di capire che associ gli attacchi ad un problema specifico. Se ultimamente sei stato male è probabile che quell’episodio ti stia influenzando.

      Facci sapere come va!

      Un abbraccio di Luce 🙂

  • Avatar dorotea says:

    Ciao ogni tanto o a volte spesso mi sento la testa ke non so mi gira mentre sono seduta in compagnia ma forse non è propio un giramento ma forse è dovuta all ansia o la cervicale non saprei perché mi sento strana

    • Omnama Team Omnama Team says:

      Ciao Dorotea,

      Grazie del tuo commento!L’ansia spesso si manifesta anche fisicamente, ma non ha dei sintomi specifici ed ognuno
      sperimenta sensazioni e disturbi diversi.

      Il nostro consiglio e di rivolgerti ad uno specialista, troverai certamente delle risposte 🙂

      Spero che i tuoi disturbi passino presto!

    • Avatar Federico says:

      Ciao a tutti, soffro di attacchi di ansia e a volte di panico da almeno 4o5 anni. Prima di questo periodo è possibile che siano comparsi attacchi simili ma non conoscendone per bene sintomi e annessi non mi sono mai preoccupato di capire e risolvere il problema.. 5 anni fa la sera prima di partire per un viaggio ero nel locale dove lavoro e ad un certo punto la mia testa ha iniziato a sfarfallare una sensazione di peso estremo sul petto sudorazione fredda e guardando le mie mani sembrava che fossero di un altra persona non erano più mie. Sconvolto parlo con i miei genitori delle mie preoccupazioni più leggere e riesco a calmarmi riesco a piangere e sfogarmi.. Da quel momento le paure iniziavano ad affiorare e creavano attacchi di ansia che non riuscivo a gestire e che mi portavano ad avere uno stress elevatissimo e a fumare molte sigarette.(come se servisse ma non serve a nulla sia chiaro). Prendo un appuntamento da una psicologa abbiamo parlato e mi ha dato delle linee guida da seguire in caso si manifestassero attacchi di ansia futuri in modo da poter gestire al meglio le situazioni. Consigli veramente utili perché a distanza di tempo ( io non ho mai preso ansiolitici) riesco a gestirla e ad accorciare i tempi per placarla. Vorrei arrivare un giorno( e ci proverò finché non ci riesco) a riuscire a bloccare un attacco dopo un secondo dalla sua manifestazione.. Un secondo all ansia glielo regalo. In tutto questo tempo le mani sono tornate mie anche se a volte vuoi per debolezze varie e stress lavorativo amoroso eccetera a volte mi frega ancora ma riesco a gestirla. Il sunto della situazione è che la paura di morire crea la maggior parte di questi attacchi. Riesco a gestire egregiamente la manifestazione dell ansia ma mi frega la paura di morire. Riesco a gestire il tuono ma il lampo mi spaventa. Cerco in tutti i modi di convincermi che sono un essere umano è che come tutti gli esseri umani ho una scadenza però questo mi frastorna mi lascia perplesso eppure la morte è la fase finale della vita quindi ad essa legata. È la vita è la cosa più bella che esista e vale la pensa di essere vissuta al meglio a prescindere da quanto possa durare. Mi documento e leggo e parlo con persone che sono uscite da patologie paicologiche anche peggiori della mia e capisco che la cosa che serve di più e l affetto. L amore. Non c’è nulla che dia più tranquillità di un momento trascorso con la gente che ami e che ti ama. Questa forse è la chiave per aprire la gabbia dell ansia. E nella vita a volte è normale che l ansia bussi alla porta perché ognuno reagisce alle cose che succedono in modo diverso ed è giusto che lei venga a farci visita ma un conto è visitare una persona libera e un conto è farsi ingabbiare e ricevere visite dietro a delle sbarre. Io mi concentro molto sul affetto e molti dei miei attacchi li ho superati parlando con delle persone che non sanno nemmeno di avermi aiutato eppure hanno fatto in modo che per un momento intravedessi la luce fuori dalla gabbia. Amate e circondatevi di persone che vi amano.. Lucio dalla nella canzone henna diceva: io credo che l amore è l amore che ci salverà. Solo l amore ci salverà.. E tutti riusciremo a dominare le paure che continueranno ad esistere ma saranno diverse dominate più piccole.. Grazie a tutti un abbraccio

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato.